14 maggio 1944-14maggio 2020 - Comune di Pontelongo (PD)

archivio notizie - Comune di Pontelongo (PD)

14 maggio 1944-14maggio 2020

 

14 maggio 1944-14maggio 2020

Il 14 maggio 1944, 76 anni fa, Pontelongo ha vissuto la più grande tragedia della sua storia moderna. “Pesante il bilancio delle vittime: 33 morti di cui 28 residenti in Paese. Li ritroviamo  tutti nella lapide della sede municipale dove si trovano le Poste. A quel primo bombardamento ne seguiranno altri 28 fino al 14 marzo 1945, più 31 mitragliamenti, altre 24 azioni aeree e 154 bombe e mitragliamenti e passaggi di formazioni e numerosissime bombe farfalla tra il 3 e il 21 marzo del 1945. In due giorni tra il 5 e 6 marzo del 1945 si registrano 10 azioni aeree e lo sganciamento di 114 bombe…  La quasi totalità della popolazione è sfollata nelle campagne...”.   E’ la puntuale ricostruzione documentata che ritroviamo nel libro PONTELONGO UN LUOGO BUONO PER VIVERE di Emidio Pichelan.

Giovedì scorso abbiamo ricordato quella tragica giornata assieme ai rappresentanti delle associazioni del volontariato sociale e civile del Paese e ad alcuni cittadini, con la preghiera di Don Carlo e la testimonianza appassionata del prof. Umberto Marinello che ragazzino all’epoca visse in diretta quella mattinata di emozioni e terrore.

Il prof Marinello ha richiamato la nostra attenzione sulle cause della seconda guerra mondiale, le responsabilità del nazifascismo e sul valore dell’unità europea come fattore di pace dei 75 anni che abbiamo vissuto fino ad oggi e dell’importanza fondamentale di salvaguardare unità e pace del nostro vecchio continente. Per non dimenticare e perché la storia tragica di quella giornata non abbia a ripetersi.

Luigi Milana che in quella giornata perse la madre vittima del bombardamento ci ha offerto una sua poesia su quella tragedia. Con gratitudine la pubblichiamo. Se altre persone vogliono inviarci pensieri e ricordi di quel periodo, saremo pronti a pubblicarli.

Il Sindaco

Roberto Franco

Pontelongo, 20 maggio 2020

Luigi Milana: poesia, "Dallo sconcerto allo stupore"


Pubblicato il 
Aggiornato il