Benvenuto nella Rete Civica del Comune di PONTELONGO (PD) - clicca per andare alla home page

 indirizzo: via Roma, 271 - 35029 Pontelongo (Pd)  telefono: 049/9775265  fax: 049/9775565  e-mail: segreteria@comune.pontelongo.pd.it  posta elettronica certificata: comunepontelongo.pd@legalmailpa.it  p.iva: 01833500281  cod.fiscale: 80009850282
 Codice fatturazione elettronica: UFGV7W

cerca nel sito
motore di ricerca
HOME » 150 anni - Auguri Italia | Iniziative promosse a Pontelongo

clicca per stampare il contenuto di questa paginastampa

scritto da Amministratore   12/10/2012

Iniziative promosse dal Comune di Pontelongo

150 Comune1

.

Riportiamo di seguito l'elenco delle iniziative promosse dal Comune di Pontelongo per promuovere il 150° Anniversario dell'Unità dell'Italia

 

 

Giovedì 13 gennaio

Giornata della Memoria: lezione storica scuole elementari Montessori tenuta dalla Dr.ssa Lisa Bregantin.

Giovedi / Venerdi 20/21 gennaio

Giornata della Memoria: lezioni storiche scuole medie Leopardi tenute dalla Dr.ssa Lisa Bregantin.

Giovedi 27 gennaio

Giornata della Memoria: lezione storica scuole elementari Galvan tenuta dalla Dr.ssa Lisa Bregantin.

Sabato 19 febbraio

incontro presso la Sede Municipale con l'ex internato militare: Cav. Lodovico Lisi nell',ambito della Giornata della Memoria.

Settimana del 17 marzo

Esposizione tricolore negli edifici pubblici e in tutte le attività commerciali di Pontelongo. Una grande fascia tricolore è stata esposta fino a giugno nelle Sede Municipale. Diffusione di canti patriottici, in tre momenti della giornata, nel centro del Paese.

Mercoledì 16 marzo

Consegna testi costituzione e coccarde alle 3 Scuole con interventi del Sindaco.

Giovedì 17 marzo (mattino)

Corteo da Largo Cavalieri Vittorio Veneto fino al monumento dei Caduti accompagnato della Banda Musicale di Cavarzere. Consegna ai partecipanti del  testo Costituzione Italiana e coccarde tricolori. Interventi di varie autorità (Sindaco, rappresentanti del Gruppo A.N.A di Pontelongo e della Sezione ex Combattenti e Reduci di Pontelongo).

Giovedì 17 marzo (pomeriggio)

Adesione all'iniziativa promossa dal Circolo Anziani con proiezioni di filmati sull'Unità d'Italia e lettura di brani tratti da scritti dei padri fondatori.

Sabato 14 maggio

Cerimonia presso il cippo che ricorda le vittime dei bombardamenti aerei subiti a Pontelongo negli anni 1944-45'. Ricordo anche della Festa della Liberazione.

Sabato 28 Maggio

 

 

 

 

 

Intitolazione della Sala del Consiglio Comunale all'Appuntato dei Carabinieri Michele Angelini - ucciso durante una rapina del 1981 a Pontelongo.

 

 

 

 

 

 

 

 

150 Anniversario

Discorso del 17 Marzo 2011 del Sindaco Fiorella Canova

.

150 Logo

 

Cari concittadini, Cari Amici delle Associazioni, ricordiamo oggi in tutta Italia i 150 anni dell’Unità.

 

Basta leggere la storia che riporta le vicende vissute dagli italiani in questi 150 anni, per meglio valutare i progressi, le conquiste ed i risultati raggiunti dall’Italia. Ciò che è stato fatto ci rende fieri del nostro passato e riconoscenti ai nostri predecessori per la società che hanno preparato  per noi e per le nuove generazioni.

 

Un ricordo particolare rivolgo anche in questa circostanza alle tante vittime di Pontelongo delle guerre di tutti questi anni e ai nostri soldati in Afganistan. Viviamo anni in cui tante sono le emergenze da affrontare ed i problemi da risolvere, per cui siamo distratti dagli eventi quotidiani e non abbiamo più tempo per ricordare gli insegnamenti del passato e per farne tesoro.

 

Spetta comunque a noi il compito di proseguire e difendere le scelte democratiche che con tanti sacrifici hanno realizzato e difeso i padri fondatori dell’Italia unita. Di questo dovremo essere coscienti perché non si può essere democratici se non si difende la libertà e non si può vivere in pace se non si assicura il progresso economico e sociale nel rispetto della democrazia e dei suoi equilibri politici.

Questo lo ricordiamo anche alle nuove generazioni, di cui comprendiamo le giustificate inquietudini.

 

Ai giovani, anche in questa circostanza, indichiamo la serena riscoperta ed approfondimento dei valori legati all’impegno culturale e sociale che, uniti ad una più sicura occupazione professionale, sono alla base della società moderna. Invito i giovani a riscoprire lo spirito e l’entusiasmo che hanno caratterizzato il sogno di chi fece la resistenza e si oppose alla dittatura.

 

L’Italia durante gli ultimi 65 anni ha vissuto il suo più lungo periodo di pace, di democrazia e di progresso, grazie ai governi democratici che hanno coltivato giusti rapporti internazionali.

 

Siamo tornati a pronunciare, senza remore e senza retorica, giustamente e finalmente la parola “Patria”. E’ una parola impegnativa e nobile, che fa riflettere. Non la si può pronunciare senza interrogarsi cosa significa e quali doveri porta con se’. Per Giuseppe Mazzini “La patria è una comunione di liberi e di uguali, affratellati in concordia che lavorano verso un unico fine. La Patria non è un aggregato, è una associazione di uomini. Non vi è Patria dove l’uniformità di quel diritto è violata dall’esistenza di caste, di privilegi, di disuguaglianze”.

 

Queste parole di Mazzini rilette oggi ci inducono ad onorare anche i Padri costituenti che, nel 1947, seppero realizzare l’ideale dell’unità d’Italia, intesa come unità morale e politica di uomini e donne liberi ed uguali. Lo fecero scrivendo nella carta costituzionale italiana i diritti fondamentali del cittadino quale fondamento giuridico della vita stessa della comunità nazionale.

 

L’alto insegnamento di civiltà di queste pagine che danno origine alla nostra repubblica è vivo ed operante; è fonte di ispirazione anche per le scelte europee che in seguito sono state fatte.

 

L’Unità di Italia si celebra con il tricolore verde bianco e rosso, simbolo delle libertà civile e della speranza di indipendenza, di fratellanza tra cittadini delle storie e vicissitudini diverse. Il tricolore è il simbolo moderno di un popolo antico ricco di tradizioni e di nobiltà d’animo. Noi amiamo il tricolore e per questo abbiamo imbandierato a festa il nostro paese.

 

Abbiamo nel tricolore riscoperto l’unità e l’adesione di tutto il nostro comune.

 

Anche per questo ringrazio i cittadini che hanno accolto con calore questa iniziativa ed in particolare tutte le persone che hanno collaborato per la buona riuscita di questa manifestazione. Il sentire e volere l’Unità, in una Italia cresciuta e composta da realtà regionali diverse, ci deve far comprendere che per risolvere i problemi reali della società moderna, anche il federalismo istituzionale rappresenta uno strumento appropriato.

 

Talune delle eccessive asprezze e contrapposizioni del dibattito politico non ci devono però trarre in inganno. Esse possono forse offuscare, ma non cancellano, l’unità sostanziale dell’Italia democratica. Sentiamo forte il bisogno di assistere a comportamenti più distesi, meno polemici e più costruttivi anche a livello locale. Alcuni fatti e linguaggi fanno parte di un costume che speravamo fosse tramontato.

 

Lo scrittore Veneto Mario Rigoni Stern nel suo libro “Guerra sugli altipiani” riporta le testimonianze dei nostri soldati al fronte della guerra del 15 e 18. I racconti di Stern colpiscono per l’orrore che suscitano le crudeltà della guerra e per la sincerità dei sentimenti patriottici che animavano quei soldati. Destano meraviglia e stupore i comportamenti umanitari dei combattenti delle opposte nazioni: nemici che sapevano per ragioni umanitarie diventare amici. Questi ricordi sono destinati a far crescere negli uomini che vivono questo secolo, sentimenti di ammirazione e di maggior responsabilità ed a riscaldare il desiderio di giustizia e di solidarietà.

 

Cari Concittadini, siamo chiamati a vivere una stagione di nuova solidarietà in cui ognuno di noi deve fare la propria parte per modernizzare la società, superando le posizioni personali.

 

Occorrerà forse come dice Papa Benedetto XVI accingersi a costruire una cultura, non della povertà bensì della minor ricchezza. Di un benessere più limitato, sapendo che questo minor benessere si ripercuoterà su ogni aspetto della nostra vita.

 

link paese dello Zucchero paese dello Zucchero
Eventi e Appuntamenti
<< giugno 2017 >>
L M M G V S D
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
             
 
 
Servizi interattivi
modulistica
contatti
mappa del sito
sms

 indirizzo: via Roma, 271 - 35029 Pontelongo (Pd)  telefono: 049/9775265  fax: 049/9775565  e-mail: segreteria@comune.pontelongo.pd.it  posta elettronica certificata: comunepontelongo.pd@legalmailpa.it  p.iva: 01833500281  cod.fiscale: 80009850282


Questo sito internet è valido html 4.01 strict, clicca per accedere al validatore html 4.01, il sito verrà aperto in una nuova finestra   Questo sito internet è valido CSS 2.0, clicca per accedere al validatore css, il sito verrà aperto in una nuova finestra   sito internet validato wcag wai a  Questo sito internet è multibrowser   accessibilità  |  access key  |  mappa del sito  |  privacy 
scegli la modalità
Visualizza il testo con caratteri normali  Visualizza il testo con caratteri grandi  Visualizza il testo con contrasto elevato  Visualizza i contenuti senza la presenza della struttura grafica Rete civica realizzata da Progetti di Impresa Srl © 2010

utenti connessi utenti connessi: 19    utente sei il visitatore n°2460601 dal 1° gennaio 2010