Benvenuto nella Rete Civica del Comune di PONTELONGO (PD) - clicca per andare alla home page

 indirizzo: via Roma, 271 - 35029 Pontelongo (Pd)  telefono: 049/9775265  fax: 049/9775565  e-mail: segreteria@comune.pontelongo.pd.it  posta elettronica certificata: comunepontelongo.pd@legalmailpa.it  p.iva: 01833500281  cod.fiscale: 80009850282
 Codice fatturazione elettronica: UFGV7W

cerca nel sito
motore di ricerca
HOME » Dai giornali locali | 2016 | Febbraio 2016

clicca per stampare il contenuto di questa paginastampa

scritto da Amministratore   29/02/2016

Febbraio 2016

Il Mattino di Padova - Martedì 2 febbraio
NOTIZIE IN BREVE

PONTELONGO Consiglio comunale Si riunisce stasera alle 19.30 in villa Foscarini il consiglio comunale. All’ordine del giorno anche la surroga del consigliere dimissionario Roberta Bruscaglin. (al.ce.)

 

Il Mattino di Padova - Venerdì 5 febbraio
NOTIZIE IN BREVE

PONTELONGO Famiglia, un incontro Al via stasera il secondo ciclo di incontri “Famiglie, incontriamoci!” organizzato dall’assessorato. Alle 21 in municipio il primo incontro è “Famiglia: bene comune” e vedrà l’intervento di Martina Visentin, sociologa. (al.ce.)

 

Il Mattino di Padova - Sabato 6 febbraio
GLI UTENTI DEL “PADOVA SUD” RIVOGLIONO I SOLDI PAGATI IN PIÙ

PONTELONGO Non basta l’annuncio da parte del Consorzio Padova Sud dell’annullamento del pagamento del deposito dei bidoni per i rifiuti per placare il disappunto dei cittadini che nella prima bolletta dell’anno si sono visti appioppare dai 10 ai 60 euro in più da pagare. Il malcontento degli utenti è stato raccolto da Federcontribuenti che oggi dà il via a Pontelongo a una serie di assemblee pubbliche per chiedere l’immediata restituzione dei soldi ai cittadini. A spiegare quanto accaduto è il consigliere comunale Roberto Franco: «Ai primi di gennaio è arrivata la prima rata della bolletta dei rifiuti inviata dal Consorzio Padova Sud e tra le voci di costo c’è il deposito cauzionale per i bidoni e la tesserina magnetica consegnati cinque anni fa, con somme che vanno da 10 fino a 60 euro. Il 22 gennaio» ricorda Franco, «sulla spinta delle proteste, il presidente del Consorzio Alessandro Baldin ha scritto ai sindaci che avrebbe annullato il pagamento del deposito». E nella lettera l’ammissione di colpa è più che evidente: Baldin dice infatti che il pagamento sarà cancellato «considerandolo penalizzante nei confronti dell’utenza, non specificato nell’atto della consegna dei bidoncini e che mina il rapporto fiduciario con l’utenza». Intanto però i cittadini hanno dovuto sborsare i soldi. E poco importa loro se per il Consorzio l’orizzonte si sta offuscando, con la prospettiva di ritrovarsi presto senza più l’oltre mezzo milione di euro che ogni anno incassa dalle royalties - 2.10 euro per cittadino in bolletta – dato che sarà presto soppiantato dal costituendo Consiglio di Bacino. «Le somme indebitamente pagate»ritica Franco, «saranno stornate nelle prossime bollette, ma perché non si è posto rimedio con tempestività all’errore evitando di far pagare ai cittadini? Noi chiediamo che i soldi siano restituiti immediatamente». Per Federcontribuenti interverrà il presidente provinciale Mara Bedin. L’appuntamento è alle 15 alla casa delle associazioni vicino alla casa di riposo. (e.l.)

 

Il Mattino di Padova - Domenica 7 febbraio
«O CI RESTITUISCONO I SOLDI O NON PAGHIAMO LA BOLLETTA»

di Elena Livieri PONTELONGO «Se il Consorzio Padova Sud non restituirà i depositi cauzionali nella prossima fattura, i cittadini si autoridurranno la bolletta dei rifiuti»: è questa la decisione assunta ieri al termine dell’assemblea pubblica indetta da Federconsumatori dopo l’ammissione dello stesso Consorzio Padova Sud che quei soldi non dovevano essere chiesti. «Prima ci fanno pagare» ha fatto notare il consigliere di minoranza Roberto Franco, promotore della mobilitazione, «poi ci dicono che si sono sbagliati, e nonostante questo nei manifesti affissi dal nostro comune veniamo a sapere che i soldi ce li restituiranno solo a dicembre. Non possiamo subire in silenzio queste angherie». Franco ha anche ricordato che il Consorzio ha approvato la delibera che prevede il pagamento del deposito nel dicembre del 2014, epoca in cui lo stesso vicesindaco di Pontelongo sedeva nel Cda dell’ente. Nessun cittadino ne è mai stato però informato. Mara Bedin, presidente di Federconsumatori, ha dato agli oltre 120 pontelongani intervenuti alla casa delle associazioni, le rassicurazioni in cui speravano: «Se il Consorzio a cui chiederemo di detrarre già nella prossima bolletta quanto pagato ingiustamente non accetterà di farlo rinviando a dicembre, ciascuno potrà agire autonomamente, autoriducendo la propria fattura nella misura di quanto ha sborsato per il deposito». Un obolo che ha pesato in varia misura da dieci fino anche oltre 60 euro per utenza. «Solo a Pontelongo» aggiunge Franco, «questo balzello ingiustificato porterà nelle casse del Consorzio circa 16 mila euro, ma nel complesso degli oltre 50 comuni coinvolti parliamo di una cifra che va dai 600 agli 800 mila euro». All’assemblea è intervenuto anche il vicesindaco di Piove di Sacco Lucia Pizzo: «Il nostro comune non ha prorogato la convenzione con il Consorzio in attesa della costituzione del Consiglio di bacino previsto dalla legge e si rapporta direttamente con l’Ati – l’associazione di imprese che svolge il servizio di raccolta e smaltimento rifiuti – e sarebbe interessante sapere a quale titolo il Consorzio, che dell’Ati non fa parte - emette le fatture. Noi abbiamo chiesto bollette più chiare, per questo non ce le hanno ancora inviate. E se per qualsiasi motivo ci dovessimo trovare dentro il deposito cauzionale, inviterò i miei concittadini a non pagare». Quella di Pontelongo è solo la prima di una serie di assemblee di Federconsumatori sul tema: prossimi appuntamenti a Conselve e Codevigo.

 

FASCE TRICOLORI INTORNO AL SINDACO MINACCIATO
POLVERARA Grande testimonianza di solidarietà per il sindaco di Polverara Alice Bulgarello che nei giorni scorsi ha ricevuto una lettera di minacce in vista dei processi in cui sono imputati gli ex sindaci Olindo Bertipaglia e Sabrina Rampin: oltre una ventina fra sindaci, vicesindaci, assessori e consiglieri comunali di altri comuni hanno partecipato all’incontro promosso dall’associazione Avviso Pubblico che da vent’anni è al fianco degli amministratori vittime di intimidazioni. «Questa sala piena di amministratori e cittadini che si stringono al nostro sindaco» ha detto l’assessore Enrico Sturaro, «è l’aspetto positivo di una vicenda che purtroppo di positivo non ha nulla. In questi due anni abbiamo subito pressioni e insinuazioni sulle note questioni che hanno portato ai processi a carico degli ex sindaci. È giusto che i cittadini sappiano cosa accade e soprattutto che non ci tireremo indietro. Credo che il nostro sindaco sia un esempio per tutti noi», «Quando si colpisce un amministratore si colpisce la comunità intera» è il commento di Pierpaolo Romani, coordinatore nazionale di Avviso Pubblico, «ma oggi siamo qui per testimoniare che non siete soli. L’anno scorso ci sono stati 361 casi di minacce e intimidazioni a sindaci e assessori in Italia, oltre dieci nel Veneto, ricordiamo le più recenti ai danni dei sindaci di Este e Ospedaletto. Lanciamo un appello: chi sa parli, non si può e non si deve tacere di fronte a questi soprusi». «Ha dell’incredibile che una persona che decide di sacrificare parte del suo tempo per il bene pubblico debba subire violenze» ha aggiunto il coordinatore regionale Andrea Cereser, “ci rendiamo conto che c’è una mafia che parla veneto, ma va isolata». «Con la mia giunta ci siamo assunti l’impegno di lasciare un paese migliore di quello che abbiamo trovato» l’intervento del sindaco Bulgarello che ha ringraziato tutti i presenti, «per questo non ci pieghiamo alle minacce e non indietreggiamo di un millimetro». Tra i Comuni presenti c’erano Piove di Sacco, Legnaro, Arzergrande, Pontelongo, Ponte San Nicolò, Cadoneghe, Due Carrare, Bovolenta, Este, Baone, Bagnoli di Sopra, Noventa Padovana, Sant’Angelo, Arre, San Donà di Piave, ma testimonianze di vicinanza al sindaco Bulgarello sono arrivate da amministratori di tutta Italia. (e.l.)

 

NOZZE D’ORO PER FRANCA E UMBERTO
Nozze d’oro per Franca Volpato e Umberto Marinello che celebrano oggi a Pontelongo i loro primi cinquanta anni di matrimonio. A festeggiarli i tre figli, Alessandra, Paolo e Giovanni e i nipoti Elena, Nicola, Anna e Mattia.

 

Il Mattino di Padova - Venerdì 12 febbraio
IN BREVE
PONTELONGO Rete di famiglie accoglienti Nuovo appuntamento con il ciclo di incontri “Famiglie, incontriamoci!”. Oggi alle 21, in municipio, con Cristina Zottarel, presidente di “Rete famiglie accoglienti” di Piove. Tema: la vicinanza solidale e l’affido familiare.(al.ce.)

 

BOLLETTE E GESTIONE INCONTRO PUBBLICO SUL CAOS RIFIUTI
CONSELVE In primo piano il “caos rifiuti” nell’assemblea pubblica di stasera alle 21 in sala Dante organizzata dal Movimento 5 Stelle di Conselve dopo le polemiche delle scorse settimane sulle bollette, i costi del servizio, gli aumenti e la gestione del servizio ambientale. Intervengono Lucia Pizzo vice sindaco di Piove di Sacco, Mauro Fecchio, sindaco di Correzzola, Francesco Peotta. sindaco di Barbona, Roberto Franco, consigliere comunale di Pontelongo, Mara Bedin presidente di Federconsumatori Padova, il consigliere del Movimento 5 Stelle di Conselve Luca Martinello e Mariano Zilio di Eurocoltivatori. «Cercheremo di chiarire le vere strategie politiche» spiega Martinello «che stanno dietro alla gestione dei rifiuti. Invitiamo tutti a portare la bolletta dei rifiuti per una verifica degli aumenti e per eventuali azioni da intraprendere». (n.s.)

 

Il Mattino di Padova - Lunedì 15 febbraio
IL VICESINDACO DI BRUGINE LASCIA
BRUGINE Il vicesindaco Sabrina Baldin ha rassegnato le proprie dimissioni dalla carica di assessore. Resterà in maggioranza, ma solo in qualità di consigliere. La decisione verrà ufficializzata solo nei prossimi giorni, ma già dall’altro giorno il sindaco Michele Giraldo ha messo la firma al decreto. C’è chi, “maligno”, alla base del gesto individua alcuni dissapori tra i due. Voci, tuttavia, smentite dallo stesso Giraldo: «Non c’è stata alcuna spaccatura all’interno del gruppo di maggioranza: è stata una decisione condivisa da entrambi» ha tagliato corto il sindaco, precisando che «Le dimissioni sono state date per ragioni di natura personale». Dichiarazioni più che stringate ma confermate anche da Baldin. Le sue deleghe, ovvero Politiche sociali e Tutela dei minori, Cultura, Pari opportunità e Pubblica istruzione, momentaneamente andranno al primo cittadino, in attesa della nomina del nuovo vicesindaco. Incarico che, obbligatoriamente, dovrà rivestire una donna, per via del numero di quote rosa da rispettare all’interno della giunta. Giraldo potrebbe scegliere una delle tre consigliere di maggioranza (Melita Ester Benvegnù, Cristina Sofia Milanetto e Cristina Giraldo) ma non è escluso che possa affidare l’incarico a un assessore “esterno”. Operazione già effettuata da Giraldo che in giunta ha voluto ai Lavori pubblici proprio Fabio Magagnato, ex assessore allo Sport a Pontelongo, ma mai candidato alle amministrative di Brugine. Baldin e Giraldo, insieme all’attuale assessore alla Sicurezza, Jhonny Caron, a febbraio del 2014 avevano rimesso il loro incarico nelle mani dell’allora sindaco Davide Zanetti per annunciare la loro candidatura a fianco di una civica alle amministrative di giugno. Sfida elettorale alla fine vinta. Martina Maniero

 

Il Mattino di Padova - Martedì 16 febbraio
INCINTA, PICCHIATA LA SORELLA DELLA MORTA DI PONTELONGO

Ha picchiato con violenza una donna incinta e quando è arrivata la polizia ha aggredito anche gli agenti. Peter Emen, 28 anni, nigeriano, è stato arrestato. La donna ferita, invece, è Indiana Maria Franco Garces, 33 anni, dominicana, sorella della donna trovata morta in circostanze sospette a Pontelongo l’antivigilia di Natale. I due avevano trascorso la nottata al club Black and White di via della Navigazione interna e sono usciti verso le 6.30. I carabinieri del nucleo Radiomobile, passando da quelle parti, hanno visto l’uomo che colpiva la ragazza con un pugno facendola cadere a terra. I militari sono intervenuti subito e hanno provato a fermarlo ma questo si è rivoltato contro con tutte le forze che aveva. Ha provato anche a mordere un carabiniere al braccio. Era ubriaco e fuori controllo. La lite era scaturita in seguito a dissidi nati nel

corso della nottata tra i due. La donna è stata ricoverata in ospedale, visitata e dimessa con sei giorni di prognosi.(e.fer.)

 

Il Mattino di Padova - Giovedì 18 febbraio
UN INCONTRO SULLE FOIBE

PONTELONGO Pontelongo commemora con qualche giorno di ritardo la Giornata del Ricordo, dedicata alla memoria dell’esodo dei giuliano-dalmati e delle foibe istriane dove perirono migliaia di italiani, uccisi e fatti sparire dai partigiani di Tito. Questa sera alle 21, al museo GeSta, conferenza sul tema: “Nella terra. Il confine orientale italiano” con la storica Lisa Bregantin, una studiosa dell’argomento, rimasto sotto silenzio per oltre mezzo secolo. Ingresso libero. L’incontro è promosso dall’amministrazione comunale. (al.ce.)

 

Il Mattino di Padova - Venerdì 19 febbraio
IN BREVE
PONTELONGO Affettività e sesso Continua il ciclo “Famiglie, incontriamoci!” promosso dall’assessorato alle Politiche per la famiglia. Oggi alle 21, in municipio, la psicologa Elisabetta Falcetti parlerà di affettività e sessualità negli adolescenti. (al.ce.)


Il Mattino di Padova - Venerdì 26 febbraio
GESTIONE RIFIUTI STASERA INCONTRO A CODEVIGO

“Caos rifiuti” al centro dell’assemblea pubblica in programma questa sera alle 20.30 nella sala polivalente di Codevigo. L’incontro, promosso e moderato dai consiglieri comunali di minoranza Sergio Bacco e Maurizio Ruzzon, vedrà la presenza di Mara Bedin (Federconsumatori), Roberto Franco (consigliere di minoranza di Pontelongo), Lucia Pizzo (vicesindaco di Piove di Sacco) e Mauro Fecchio (sindaco di Correzzola). (al.ce.)

 

CONSIGLIO COMUNALE QUESTA SERA A PONTELONGO
Si riunisce stasera alle 19.30 in villa Foscarini il consiglio comunale di Pontelongo. All’ordine del giorno ci sono la sostituzione dei consiglieri di maggioranza e minoranza che entreranno nel consiglio dopo le dimissioni da parte di Roberta Bruscaglin, che era assessore ai Lavori Pubblici, e Marino Zenna, capogruppo della lista civica di centrosinistra “Pontelongo 2000”. (al.ce.)

 

Il Mattino di Padova - Lunedì 29 febbraio
COINVOLTI AMMINISTRATORI DI TUTTI I PARTITI

di Elena Livieri ESTE C’è una protagonista che si nasconde dietro i primi piani dei personalismi in tutta la vicenda che interessa il Consorzio Padova Sud e la sua controllata Padova Tre srl, nell’occhio del ciclone da un paio di settimane dopo l’annuncio del cda di un “buco” di trenta milioni. La politica, quella con la p minuscola verrebbe da dire alla luce delle cronache degli ultimi giorni, ha avuto da sempre la sua da dire nella partita. E difficilmente qualche partito può chiamarsi escluso. Prima del luglio 2015, quando sono cambiati i consigli di amministrazione, presidente del Consorzio era Simone Borile, ex Dc, poi Forza Italia e Pdl, consigliere provinciale e comunale a Battaglia Terme, fedelissimo dell’ex presidente della Provincia di Padova (oggi sottosegretario all’Ambiente) Barbara Degani. Fra i consiglieri c’erano Antonio Battistella sindaco Pd di Ospedaletto Euganeo, Enzo Battisti vice sindaco Pdl di Pontelongo, Romano Boischio ex sindaco Pd di Sant’Angelo di Piove, Loredana Borghesan, sindaco Pdl di Montagnana, Tiberio Businaro sindaco leghista di Carceri, Nicola Ferro assessore Pd a Merlara e Sergio Vason ex sindaco Pdl di Due Carrare. Nello stesso periodo Borile era vice presidente della Padova Tre – nella quale ha assunto anche l’incarico di direttore – a fianco del presidente Stefano Chinaglia, ex consigliere comunale Pd a Piove di Sacco, con loro Egidio Vanzetto, uomo di riferimento del sindaco Udc di Conselve Antonio Ruzzon. Lo scorso luglio vengono rinnovati i cda di Consorzio e Padova Tre srl, le carte si rimescolano. Ma neanche tanto. Nicola Ferro e Tiberio Businaro passano dal Consorzio alla Padova Tre, rispettivamente come presidente e consigliere, e a loro si aggiunge Massimo Zanardo, sindaco Ncd di Cartura. Presidente del Consorzio viene nominato Alessandro Baldin, già vice sindaco di centrodestra a Battaglia Terme. Nel cda ci sono ancora Boischio, Sara Barollo, assessore centrodestra a Maserà, Andrea Vanni sindaco Pd di Vighizzolo, Riccardo Bernardinello sindaco centrosinistra di Castelbaldo, Franco Casotto, centrosinistra di Arre, Gianfranco Gusella sindaco centrodestra di Santa Margherita d’Adige, Fabio Zanetti consigliere Udc a San Pietro Viminario, Aurelio Puato, Lega nord di Baone, dimissionario. Ancora più sullo sfondo della politica è un’altra figura, quella dell’attuale direttore del Consorzio Padova Sud Stefano Tromboni. Se si potesse tradurre in equazione la storia della gestione dei rifiuti dai vecchi bacini Padova 3 e 4 a oggi, lui sarebbe senza dubbio la costante x. Era direttore del Bacino Padova 4 del Piovese, con un contratto di consulenza. Poi è diventato direttore anche del Bacino Padova 3 della Bassa padovana. Quando i due Bacini sono confluiti nel Consorzio, è diventato ovviamente direttore nonché facente funzione dirigente Area Tecnica di quest’ultimo. Stipendio tabellare 137.322 euro annui. Quando si è aperta la diatriba, un anno e mezzo fa, per l’istituzione del nuovo Consiglio di bacino, che dovrebbe sostituire per legge il Consorzio nell’attività di controllo sul sistema rifiuti, l’allora cda premeva affinché automaticamente il direttore del Consorzio diventasse direttore del Consiglio di bacino. Si è opposta Piove di Sacco e la Regione ha confermato che non può esserci automatismo.

link paese dello Zucchero paese dello Zucchero
Eventi e Appuntamenti
<< novembre 2017 >>
L M M G V S D
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
             
 
 
Servizi interattivi
modulistica
contatti
mappa del sito
sms

 indirizzo: via Roma, 271 - 35029 Pontelongo (Pd)  telefono: 049/9775265  fax: 049/9775565  e-mail: segreteria@comune.pontelongo.pd.it  posta elettronica certificata: comunepontelongo.pd@legalmailpa.it  p.iva: 01833500281  cod.fiscale: 80009850282


Questo sito internet è valido html 4.01 strict, clicca per accedere al validatore html 4.01, il sito verrà aperto in una nuova finestra   Questo sito internet è valido CSS 2.0, clicca per accedere al validatore css, il sito verrà aperto in una nuova finestra   sito internet validato wcag wai a  Questo sito internet è multibrowser   accessibilità  |  access key  |  mappa del sito  |  privacy 
scegli la modalità
Visualizza il testo con caratteri normali  Visualizza il testo con caratteri grandi  Visualizza il testo con contrasto elevato  Visualizza i contenuti senza la presenza della struttura grafica Rete civica realizzata da Progetti di Impresa Srl © 2010

utenti connessi utenti connessi: 59    utente sei il visitatore n°2616349 dal 1° gennaio 2010