Benvenuto nella Rete Civica del Comune di PONTELONGO (PD) - clicca per andare alla home page

 indirizzo: via Roma, 271 - 35029 Pontelongo (Pd)  telefono: 049/9775265  fax: 049/9775565  e-mail: segreteria@comune.pontelongo.pd.it  posta elettronica certificata: comunepontelongo.pd@legalmailpa.it  p.iva: 01833500281  cod.fiscale: 80009850282
 Codice fatturazione elettronica: UFGV7W

cerca nel sito
motore di ricerca
HOME » Dai giornali locali | 2013 | Settembre 2013

clicca per stampare il contenuto di questa paginastampa

scritto da Amministratore   07/10/2013

Settembre 2013

 

IL Mattino di Padova - SABATO, 28 SETTEMBRE 2013
E Piove di Sacco ha salvato l’ ospedale - Primariato di Anestesia e Ostetricia, confermata Lungodegenza. Il sindaco Gianella soddisfatto.
.
PIOVE DI SACCO La conferma dei primariati di Rianimazione e Anestesia, Ostetricia e Ginecologia e Ortopedia, con la Chirurgia generale e l’Odontoiatria di comunità garantiscono il futuro del nostro ospedale: su questo siamo soddisfatti e ringrazio chiunque si sia speso per questo risultato, a partire dai cittadini che a fianco di noi sindaci hanno manifestato a difesa dell’ospedale: il messaggio del primo cittadino di Piove di Sacco Davide Gianella parte dall’ottimismo per i risultati ottenuti con la formulazione delle schede ospedaliere approvate dalla V commissione Sanità. Ma aggiunge: Ora l’auspicio è che tutto ciò che sta scritto sulla carta trovi seguito?. E ieri mattina, dopo la maratona di trenta ore in commissione, è stato lo stesso presidente Leonardo Padrin a scegliere l’ospedale di Piove di Sacco per una prima ricognizione sul territorio. Ha iniziato con l’incontro con il primario di Radiologia Fausto Pittarello, promosso al vertice del reparto anche per il Sant’Antonio di Padova. Ha incontrato poi il responsabile del servizio di Odontoiatria di comunità, il dottor Claudio Gallo. Infine il confronto con il sindaco Gianella: Credo che la politica in questo caso abbia dimostrato la capacità di lavorare bene la sottolineatura di Padrin, la natura di ospedale per acuti per l’Immacolata Concezione è garantita con l’apicalità di Rianimazione. Lo sviluppo dell’Ostetricia sarà garantito con l’attivazione del Centro di procreazione medicalmente assistita. Siamo di fronte a un grande risultato. Il sindaco ha condiviso ovviamente le parole di Padrin, non senza un appunto: Rimango perplesso sull’attività in week surgery dell’Ortopedia che non copre la traumatologia e per la Geriatria che va ad esaurimento. Reintrodotti dalle schede i dieci posti letto di Lungodegenza. Soddisfazione per le nuove schede ospedaliere è stata espressa anche dal sindaco di Pontelongo Fiorella Canova: La V commissione ha scritto una pagina importante per il nostro ospedale. Un sospiro di sollievo arriva dal comitato per la salvaguardia dell’ospedale e dai gruppi Pdl e Lega Nord in consiglio comunale.
Elena Livieri
-

Il MATTINO DI PADOVA - Venerdì, 27 SETTEMBRE 2013
Il tenente Enrico Zampolli comanda la Compagnia dei carabinieri di Piove.
.
Ha assunto ufficialmente il comando ieri mattina il tenente Enrico Zampolli, assegnato alla Compagnia dei carabinieri di Piove di Sacco, dopo un quinquennio sotto il comando del capitano Bruno Domenico Affinito. Quest’ultimo, salutato nei giorni scorsi anche da tutti i sindaci della Saccisica nella sala della Magnifica Comunità di palazzo Jappelli, è stato trasferito al Comando Legione Marche di Ancona. Zampolli, che arriva da sei anni al comando della tenenza dei carabinieri di Dolo (Ve), ha 38 anni, è sposato e ha una figlioletta. Da ieri è in mano sua l’attività di coordinamento e guida per il controllo del territorio della Compagnia che si estende per tutto il Piovese sconfinando nella Bassa padovana. Nei prossimi giorni il tenente Zampolli sarà in visita a tutte le caserme per conoscere i suoi uomini e il territorio su cui da qui in avanti sarà impegnato nella prevenzione e repressione del crimine.
(e.l.)
-
Il MATTINO DI PADOVA - Mercoledì, 25 SETTEMBRE 2013
Biogas dalle bietole per lo zuccherificio.
.
PONTELONGO Produrre energia dal biogas ricavato dal recupero dei sottoprodotti della lavorazione delle barbabietole? Ora è possibile grazie al nuovo impianto realizzato da Coprob e inaugurato ufficialmente con una conferenza nella sede municipale di Villa Foscarini. La Cooperativa, leader italiano nel settore bieticolo-saccarifero con il 65% della produzione nazionale e che commercializza l’unico zucchero 100% italiano, è impegnata a consolidare ulteriormente la propria filiera diversificando anche nel settore della produzione di energia da fonti rinnovabili. L’impianto è stato realizzato in un terreno sul retro dello zuccherificio, in corrispondenza dell’argine del Bacchiglione. Sarà alimentato da oltre 21 mila tonnellate di polpe ottenute dalle barbabietole lavorate dallo zuccherificio con il recupero dei sottoprodotti che favorirà la continuità produttiva della barbabietola stessa. La potenza di 1 Mw non basterà certo a coprire il fabbisogno energetico dello stabilimento, che consuma venti volte tanto, ma rappresenta il tassello di un progetto su larga scala su cui Coprob sta puntando molto. Oltre a quello locale, infatti, Coprob ha realizzato altri due biogas (a Minerbio e a Finale Emilia) investendo complessivamente circa 18 milioni di euro. Per non parlare di due centrali a biomasse da 12,5 Mw da realizzarsi, in collaborazione con Enel Green Power, riconvertendo gli stabilimenti di Porto Viro e Finale Emilia. Presentando l’impianto insieme al sindaco Fiorella Canova, all’assessore regionale Maurizio Conte e a quello provinciale Mauro Fecchio, il presidente di Coprob Stefano Gallerani ha sottolineato: Mentre siamo impegnati a consolidare la nostra filiera, per la quale chiediamo alle istituzioni locali e nazionali la dovuta attenzione, iniziamo a raccogliere i frutti della strategia di diversificazione. Anche i benefici ambientali sono numerosi, in primis dalla riduzione del consumo di metano e la diminuzione di emissione in atmosfera di anidride carbonica. Inoltre non ci sarà movimentazione di camion visto che il biogas è adiacente allo zuccherificio. Non si tratta di trovare alternative alla produzione di barbabietole ha continuato Gallerani, ma valorizzare sempre più questo prodotto. La strategia di approvvigionamento degli impianti punta al recupero del sottoprodotto evitando il più possibile l’occupazione del suolo con culture dedicate.
Alessandro Cesarato
-

Il MATTINO DI PADOVA - Domenica, 22 SETTEMBRE 2013
Travolta in bici da un'auto sedicenne all'ospedale.
.
PONTELONGO Stava percorrendo via Mazzini in sella alla sua bicicletta quando è stato travolto da un’auto: un sedicenne è finito al pronto soccorso l’altra sera, ma le sue condizioni fortunatamente non sono gravi. L’incidente si è verificato venerdì intorno alle 20.30. E. B., 16 anni, residente in paese, pedalava lungo via Mazzini quando, per cause che sono al vaglio dei carabinieri intervenuti sul posto, è stato urtato da una Citroen C5. L’impatto ha fatto cadere il ragazzino che ha sbattuto violentemente sull’asfalto. È stato portato al pronto soccorso di Piove di Sacco in ambulanza: nonostante i timori iniziali, non ha riportato lesioni gravi. Illeso invece l’automobilista.
Elena Livieri
-
Il MATTINO DI PADOVA - Giovedì, 19 SETTEMBRE 2013
Don Carlo lascia dopo 25 anni.
.
SAONARA Ormai è ufficiale, il passaggio del testimone è fissato per il prossimo 20 ottobre: quel giorno nella canonica di Villatora arriverà il nuovo parroco, don Valentino Sguotti, oggi direttore del Centro missionario diocesano. Dopo 25 anni trascorsi alla guida della comunità pastorale di Villatora, Don Carlo Sanavia, nato a S. Angelo di Piove nel 1938, entrerà invece nella Casa del clero di via Vescovado a Padova. Il prossimo 6 ottobre i parrocchiani e i volontari del patronato lo saluteranno con una giornata speciale, di festa e di preghiera. Dal 1988, anno del suo ingresso a Villatora, don Carlo Sanavia ha dato un notevole impulso alle attività del patronato, divenuto oggi uno dei più vitali del comprensorio. Don Sanavia verrà ricordato anche per l’importante iniziativa del restauro della chiesa parrocchiale, avviato nel 2008. Don Valentino Sguotti ritorna invece al ministero pastorale dopo sei anni trascorsi come direttore del Centro missionario diocesano di Padova; alla sua nuova comunità di fedeli il futuro parroco ha già inviato, lo scorso luglio, una lettera di saluto. Nato a Pontelongo nel 1958 e ben presto trasferitosi a Legnaro, don Valentino Sguotti è stato ordinato prete nel 1983 e sino al 1988 è rimasto nella parrocchia di S. Bartolomeo a Tencarola, come vicario parrocchiale. Del 1988 la partenza per l’Ecuador come missionario; dal 1994 al 2007 invece ha svolto il ministero di parroco a San Leonardo di Borgoricco, prima di venir nominato dal vescovo Mattiazzo direttore del Centro missionario diocesano.
Patrizia Rossetti
-
Conipiediperterra.com - Mercoledì, 18 settembre 2013
Inaugurato a Pontelongo (Pd) l’impianto a biogas di CoProB
.
Sarà alimentato da oltre 21.000 tonnellate di polpe ottenute dalle barbabietole lavorate dallo zuccherificio di COPROB di Pontelongo (Pd) e in tal modo consentirà il recupero dei sottoprodotti della lavorazione bieticolo-saccarifera, favorendo così la continuità produttiva della barbabietola stessa. E’ il nuovo impianto di produzione di energia a biogas da 1 MWe costruito a fianco dello zuccherificio da COPROB, leader italiano nel settore bieticolo-saccarifero con il 65% della produzione nazionale e il 23% della quota di mercato con la marca Italia Zuccheri, che commercializza l’unico zucchero 100% italiano. Presentando l’impianto insieme al Sindaco di Pontelongo Fiorella Canova e all’Assessore della Regione Veneto Maurizio Conte e all’Assessore della Provincia di Padova Mauro Fecchio, il Presidente di COPROB Claudio Gallerani ha sottolineato come “la realizzazione di questo impianto rientra nel più ampio progetto avviato dal nostro Gruppo per la produzione di energia da fonti rinnovabili agricole”. “Mentre siamo impegnati a consolidare la nostra filiera bieticolo-saccarifera per la quale chiediamo alle Istituzioni nazionali e locali la dovuta attenzione – ha continuato Gallerani – iniziamo a raccogliere i frutti della strategia di diversificazione produttiva”.  Oltre all’impianto di Pontelongo (Pd), sono attivi altri due biogas di COPROB: a Minerbio, in provincia di Bologna, e a Finale Emilia, in provincia di Modena. Complessivamente, i tre impianti, che hanno richiesto un investimento globale di 18 milioni di euro e sono già tutti funzionanti, assorbono oltre 63.000 tonnellate di polpe di barbabietola l’anno. I benefici ambientali sono numerosi, anche perché la destinazione delle polpe ai tre biogas, invece che alla tradizionale produzione di pellet, permette a COPROB di ridurre di oltre 4,5 milioni di metri cubi il consumo annuo di metano evitando l’immissione in atmosfera di quasi 9 milioni di tonnellate di CO2, così da contribuire a ridurre l’effetto serra. “La Cooperativa – ha proseguito Gallerani – è anche impegnata nella realizzazione di due centrali a biomasse da 12,5 Mw, a Finale Emilia (Mo) e a Porto Viro (Ro)”. Entrambe saranno alimentate da oltre 100.000 tonnellate di biomasse agricola (sorgo da fibra, stocchi, paglie e potature). La prima, per la quale COPROB ha sottoscritto un accordo di partnership con Enel Green Power, sarà operativa alla fine del 2015, mentre la centrale di Porto Viro (Ro) entrerà in funzione nel 2016. “La partnership con Enel Green Power per la centrale di Finale Emilia – ha concluso Gallerani – ha rafforzato i presupposti per un investimento importante di cui beneficerà anche tutto il bacino circostante delle Provincie di Modena, Bologna e Ferrara. Coinvolgendo il più grande operatore italiano nel settore dell’energia, COPROB ha comunque mantenuto la responsabilità di sviluppo della filiera agricola delle biomasse; la nostra strategia per l’approvvigionamento della centrale vuole, in ogni caso, privilegiare il recupero dei sottoprodotti e degli scarti di altre coltivazioni agricole piuttosto che puntare esclusivamente sulla coltivazione di colture dedicate”.
-
Il MATTINO DI PADOVA - MERCOLEDÌ, 18 SETTEMBRE 2013
Convegno di Coprob sull'agroenergia dello zuccherificio
.
PONTELONGO “Agroenergia oggi. L’impegno di Coprob per una filiera sostenibile”: questo il titolo dell’incontro promosso per questa mattina dalla cooperativa proprietaria dello zuccherificio in collaborazione con il Comune. Nel pieno della campagna saccarifera Coprob intende presentare ufficialmente l’impianto locale di produzione di energia da biogas ricavato dai sottoprodotti della lavorazione della barbabietola. Un impianto che è parte del più ampio progetto di diversificazione avviato da Coprob che, grazie ad altri biogas e alle centrali (di cui una in Veneto, a Porto Viro), contribuisce all’obiettivo nazionale di produzione di energia da fonti rinnovabili. Appuntamento alle 10.30 in Villa Foscarini Erizzo. Interverranno il presidente di Coprob, Stefano Gallerani, e gli assessori regionali Maurizio Conte e Franco Manzato.
(al.ces.)
-

Il MATTINO DI PADOVA - MARTEDÌ, 03 SETTEMBRE 2013
Usl 16, distretti sanitari dimezzati. Entro fine anno passeranno da sei a tre, anche se la Regione punta a ridurli a due.
.
Una riorganizzazione a tre. L’Usl 16 punta a strappare alla Regione Veneto un distretto in più rispetto a quanto stabilito dal piano socio sanitario. Il master plan della sanità prevede che l’Usl 16 riduca le sue strutture sanitarie territoriali da “cinque più una” (i cinque distretti e il piovese) a due. Il manager Urbano Brazzale però, nell’atto aziendale, chiede che i distretti restino tre: L’organizzazione dell’Usl 16 prevede un’articolazione del territorio in tre distretti, anziché due come previsto dalla Regione. Il direttore motiva poi la sua proposta: La popolazione complessiva di circa 485 mila residenti imporrebbe la creazione di due distretti di quasi 250 mila abitanti, cui si devono aggiungere gli studenti universitari, i turisti, specie del bacino termale e della città di Padova, la popolazione carceraria non residente. La suddivisione in soli due distretti poi imporrebbe la spartizione di Padova in due parti, con conseguente penalizzazione della città principale. La ripartizione del territorio in tre distretti consente, invece, di creare, senza particolari difficoltà per i cittadini un distretto cittadino di 252 mila abitanti, che comprende Padova e alcuni Comuni contermini (Saonara, Noventa Padovana, Cadoneghe, Limena), da sempre facenti parte degli attuali distretti 1 e 2. Un distretto della zona ovest di 115 mila abitanti, gli attuali distretti 4 e 5, vicini tra loro, con buona viabilità di collegamento e analoghe problematiche socio-sanitarie. Infine un distretto della zona Est di 118 mila abitanti, che comprende i comuni extraurbani dell’attuale distretto 3 e il territorio Piovese.
(fa.p.)
-

 

link paese dello Zucchero paese dello Zucchero
Eventi e Appuntamenti
<< novembre 2017 >>
L M M G V S D
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
             
 
 
Servizi interattivi
modulistica
contatti
mappa del sito
sms

 indirizzo: via Roma, 271 - 35029 Pontelongo (Pd)  telefono: 049/9775265  fax: 049/9775565  e-mail: segreteria@comune.pontelongo.pd.it  posta elettronica certificata: comunepontelongo.pd@legalmailpa.it  p.iva: 01833500281  cod.fiscale: 80009850282


Questo sito internet è valido html 4.01 strict, clicca per accedere al validatore html 4.01, il sito verrà aperto in una nuova finestra   Questo sito internet è valido CSS 2.0, clicca per accedere al validatore css, il sito verrà aperto in una nuova finestra   sito internet validato wcag wai a  Questo sito internet è multibrowser   accessibilità  |  access key  |  mappa del sito  |  privacy 
scegli la modalità
Visualizza il testo con caratteri normali  Visualizza il testo con caratteri grandi  Visualizza il testo con contrasto elevato  Visualizza i contenuti senza la presenza della struttura grafica Rete civica realizzata da Progetti di Impresa Srl © 2010

utenti connessi utenti connessi: 100    utente sei il visitatore n°2617416 dal 1° gennaio 2010