Benvenuto nella Rete Civica del Comune di PONTELONGO (PD) - clicca per andare alla home page

 indirizzo: via Roma, 271 - 35029 Pontelongo (Pd)  telefono: 049/9775265  fax: 049/9775565  e-mail: segreteria@comune.pontelongo.pd.it  posta elettronica certificata: comunepontelongo.pd@legalmailpa.it  p.iva: 01833500281  cod.fiscale: 80009850282
 Codice fatturazione elettronica: UFGV7W

cerca nel sito
motore di ricerca
HOME » Dai giornali locali | 2013 | Maggio 2013

clicca per stampare il contenuto di questa paginastampa

scritto da Amministratore   18/06/2013

Maggio 2013

 

 

Il MATTINO DI PADOVA - GIOVEDÌ, 30 MAGGIO 2013
Bacino unico, 50 sindaci contrari - Rifiuti: la fusione di Padova Sud con il capoluogo comporterebbe un rincaro del 34% sulle tariffe.
.
Cinquanta sindaci della Bassa Padovana e del Piovese dicono no al bacino unico per la gestione dei rifiuti con il capoluogo. Tante sono le firme raccolte e inviate in Regione per chiedere di tenere distinti il bacinio di "Padova Sud", che interessa 56 Comuni, da Piove a Conselve, Monselice, Este e Montagnana, da quello di "Padova Centro": troppe le differenze dei costi industriali e delle tariffe, ma anche delle modalità di raccolta dei rifiuti per pensare di rendere omogenee due realtà così diverse senza conseguenze negative sul portafoglio dei contribuenti. Tutto è nato dalla decisione della settima commissione regionale di prevedere un unico bacino da Padova città fino alla riva dell'Adige, ribaltando quanto stabilito un paio di mesi fa dalla giunta regionale. Così una cinquantina di sindaci, dal Piovese al Montagnanese, si sono mobilitati per chiedere di rivedere l'aggregazione perché, a loro dire, avrebbe solo effetti negativi. La prima firma è quella della presidente della Provincia Barbara Degani, che condivide l'analisi degli amministratori. A seguire le adesioni dei sindaci di Este, Monselice, Conselve e di quasi tutti i Comuni del territorio. Non si tratta di difendere delle poltrone o dei consigli d'amministrazione, affermano i sindaci, ma di non demolire quanto di positivo abbiamo costruito in questi dieci anni di gestione del servizio rifiuti che ha portato a modalità di raccolta e a tariffe omogenee, tra le più basse del Veneto. Basta considerare i costi medi pro capite per rendersene conto. Stando ai dati Arpav il costo medio per abitante in un anno è di 126,38 euro per il bacino "Padova Centro" mentre risulta di 83,25 euro per il Bacino di "Padova Sud", ovvero il 34% in meno, grazie alla presenza di impianti strategici, come la Sesa, e di costi di trasporto più contenuti. Una cifra in linea con gli 87,33 euro di spesa dell'altro bacino, il "Brenta" che comprende l'Alta Padovana insieme a parte delle province di Vicenza e Treviso. Dunque è Padova città l'eccezione che rischierebbe di penalizzare il resto della provincia con un incremento dei costi. Nella fusione, aggiungono i sindaci, le oltre 105 mila utenze domestiche e 12 mila non domestiche della Bassa Padovana hanno solo da rimetterci perché le tariffe verranno uniformate, verso l'alto però. Un ulteriore aumento, dell'ordine di qualche decina di euro, che sarebbe accolto fra le proteste da parte delle famiglie e delle aziende. Non solo, l'organizzazione industriale della raccolta nei due bacini è completamente differente e una fusione sarebbe problematica, perché il territorio di Padova e Cintura urbana ha esigenze diverse da quello della parte meridionale della provincia. I sindaci sottolineano poi che la Bassa ha raggiunto una percentuale nettamente maggiore di raccolta differenziata, con una media del 68 per cento di rifiuti che non finiscono in discarica, contro il 50 per centro di Padova.
Nicola Stievano
-
Il MATTINO DI PADOVA - MARTEDÌ, 21 MAGGIO 2013
L'UNIONE DELLE BONIFICHE - Un miliardo e mezzo per la difesa del suolo
.
Serve un miliardo e mezzo di euro per mettere in sicurezza il Veneto e ridurre il rischio idraulico e idrogeologico. Dopo un giovedì di paura, con la Regione di nuovo a mollo, specie nella "zona rossa" dell'allarme concentrata tra Verona, Vicenza e Treviso e allagamenti anche a Marcon e Scorzè, Regione e consorzi di bonifica si ritrovano d'accordo. È tempo di cambiare cultura. I dieci consorzi di bonifica, ieri a Mestre, hanno messo in disparte la settimana degli impianti aperti a 5 mila studenti per ripresentare il conto all'assessore all'ambiente Maurizio Conte. 557 i progetti prioritari; valgono un miliardo e mezzo. Giuseppe Romano, presidente dell'Unione veneta delle bonifiche ricorda i numeri dell'emergenza: in sette mesi (tra ottobre 2012 e aprile 2013) sono caduti 938 millimetri di pioggia sul Veneto contro la media di 579 millimetri registrati tra 1994 e 2012. Nei primi quattro mesi di quest'anno sono caduti quasi 600 millimetri di pioggia che rappresentano il 60% della precipitazione media annua (che si attesta su 1.050 millimetri). E il 16 maggio ne sono caduti fino a 230 millimetri nel vicentino. Temporali intensissimi che hanno portato i terreni agricoli alla capacità idrica massima, rendendo le campagne impermeabili. Dopo la siccità, ancora un colpo all'agricoltura: perdite dal 30 al 50% per i campi da seminare per barbabietole, mais, erba medica. Distrutto il 30% delle fioriture di pesche e ciliegie. In una pianura densamente urbanizzata e dove ogni anno 5 mila ettari passano da superficie agricola ad urbanizzata, con reti fognarie sottostimate e una invarianza idraulica diventata obbligo solo dal 2004, un terzo del territorio veneto è a scolo meccanico o alternato. Serve un nuovo modello culturale che porti a fermare l'urbanizzazione dei territori, dice Romano, servono risorse e la Regione deve aiutare i territori, anche con regole certe per fermare il cemento, far rispettare i pareri di compatibilità, estendere gli interventi del piano delle acque dalla provincia di Venezia a tutta la Regione. Con 110 milioni di contributi introitati e 10 milioni l'anno di investimenti in opere i consorzi chiedono alla Regione di Luca Zaia di potenziare gli investimenti. L'assessore regionale all'Ambiente Maurizio Conte risponde, polemizzando con Roma. Gli interventi sul Limenella sono fondamentali tanto quanto l'idrovia di Padova ma per farla servono 200 milioni e allora l'ex sindaco, ora ministro, Zanonato si attivi per far avere risorse che sono anni che aspettiamo. Avevamo presentato richieste per 64 milioni di euro, ne abbiamo visti alla fine solo 3,7. E poi continua a spiegare: Gli enti locali poi se possono spendere devono farei conti col Patto di stabilità. LoStato allora attui il federalismo demaniale. Ricordo che i canoni delle spiagge fruttano 30 milioni di euro l'anno che, se andassero alla Regione, consentirebbero di fare molto. Conte parla di una stima pluriennale di interventi per 2 miliardi e 700 mila euro ma la coperta è, nei fatti cortissima: 100 milioni sono stati stanziati nel 2012 e 70 quest'anno. 120 milioni sono certi, dice Conte, per 5 impianti di casse di espansione a Caldogno, Trissino, Fonte-Muson, Soave -San Lorenzo e Monteforte. I cantieri a breve.
di Mitia Chiarin
-

MATTINO DI PADOVA - Venerdì, 17 MAGGIO 2013
Convegno sulle acque stasera a Pontelongo
.
PONTELONGO "Acque: risorsa o minaccia?" è il tema del convegno organizzato per stasera alle 21 nella sede municipale di villa Foscarini Erizzo. L'incontro è inserito nei giorni conclusivi della "Settimana della Protezione civile" che si sta svolgendo da lunedì in paese con una fitta serie di attività informative ed esercitazioni. Al convegno parteciperanno Francesco Veronese ed Eugenio Zaggia (Consorzio di bonifica Bacchiglione), Tiziano Pinato (Direzione regionale della difesa del suolo), Davide Franco (Protezione civile), oltre agli assessori regionale e provinciale dell'ambiente Maurizio Conte e Mauro Fecchio.

(al.ces.)
-
MATTINO DI PADOVA - Venerdì, 17 MAGGIO 2013
La gloriosa ?Remada a seconda? compie 33 anni Tutti in acqua, con qualsiasi imbarcazione.
.
Tutti pronti a mollare gli ormeggi con la "Remada a seconda". La 33a edizione dell'originale regata aperta a qualsiasi tipo d'imbarcazione, che si svolge lungo un'incantevole percorso di canali e fiumi da Padova a Pontelongo, partirà sabato 25 maggio alle 16 dal Bassanello. Come da lunga tradizione, sono autorizzati a partecipare alla regata tutti i tipi di imbarcazioni a remi, senza limiti di peso, di misura e di numero di vogatori. L'anno scorso sono state oltre 170 le imbarcazioni a scendere in acqua, dalle canoe, alle mascarete, agli zatteroni, con una partecipazione in totale di migliaia di persone. Il divertimento e la festa sono garantiti, con spettacoli d'intrattenimento, con musica e stand gastronomici disseminati in quantità lungo tutto il percorso sia sabato 24 che domenica 26 maggio. La manifestazione, che è organizzata dall'associazione Remada a Seconda in collaborazione con la Provincia di Padova, si concluderà domenica pomeriggio con la premiazione delle imbarcazioni più caratteristiche e con un'estrazione a premi tra gli equipaggi di tutti i natanti che saranno arrivati a Pontelongo a remi.
(si. va.)
-

MATTINO DI PADOVA - Lunedì, 13 MAGGIO 2013
Settimana della Protezione Civile.
.
PONTELONGO Protezione civile Al via da oggi la settimana che fino a domenica vedrà lo svolgersi attività formative e informative nel territorio, esercitazioni pratiche e convegni. Oltre al gruppo locale, in campo quelli dei distretti del Piovese e di Este.
-

MATTINO DI PADOVA - Sabato, 11 MAGGIO 2013
Trofeo comunale con la grande boxe sul ring in piazza
.
PONTELONGO Pomeriggio dedicato alla boxe con la terza edizione del trofeo "Comune di Pontelongo". Dalle 18, sul ring allestito in piazza del Popolo, saliranno gli atleti dell'Asd Boxe Piovese che affronteranno in 11 match riservati ai dilettanti (uno anche femminile) pugili provenienti da altre società italiane ed estere. Ospiti d'onore campioni come Cristian Sanavia e Devis Boschiero. Ingresso gratuito. In caso di pioggia la manifestazione si svolgerà all'interno degli stand della Pro loco. (al.ces.)
-
MATTINO DI PADOVA - Sabato, 11 MAGGIO 2013
Convegno
.
PONTELONGO Le ferite della guerra "Fascismo, guerra, guerra civile, 8 settembre, campi di concentramento e Resistenza a Pontelongo: una storia mai raccontata". È questo il tema del convegno che si terrà oggi dalle 14.30 nella sede delle associazioni di via Martiri d'Ungheria nell'ambito delle manifestazioni in ricordo del tragico bombardamento subito dal paese il 14 maggio 1944. È un'iniziativa dell'Anpi in collaborazione con l'Auser.
(al.ces.)
-

IL MATTINO DI PADOVA - Domenica, 5 MAGGIO 2013
Oggi Festa del Voto con la processione sul ponte di barche
.
PONTELONGO Si rinnova oggi il Voto alla Madonna, giunto alla sua 337 riconferma. L'atto di fede popolare risale infatti al 1676, anno nel quale il paese fu liberato dalla peste. Secondo la tradizione, alle 11 sarà celebrata, nella chiesa parrocchiale di Sant'Andrea, una messa solenne votiva. Quest'anno sarà presieduta da don Marco Pozza, cappellano della casa di reclusione Due Palazzi di Padova. Il momento più suggestivo della giornata sarà però nel pomeriggio quando, a partire dalle 16, si terrà la storica processione per le vie del paese con le immagini dei santi venerati nella parrocchia, con le statue portate a spalle dai fedeli. Al posto d'onore la statua della Vergine, i cui dodici portatori camminano scalzi. Il corteo dei pellegrini attraverserà il fiume Bacchiglione sul ponte di legno, costruito per l'occasione, sostenuto da barche recanti i nomi dei santi.
(al.ces.)
-

Polizia.provincia.padova.it
PONTELONGO: LA POLIZIA PROVINCIALE DI PADOVA COOPERA NEL CORRETTO SVOLGIMENTO DELLA TRADIZIONALE PROCESSIONE
.
In migliaia sono stati i fedeli che ieri sono giunti a Pontelongo (PD) per partecipare alla tradizionale processione denominata "Voto alla Madonna". Giunta alla 337^ riconferma, la seguitissima manifestazione risale al 1676 quando Pontelongo fu liberato dalla peste. La statua della Vergine Santissima è stata, come di consueto, portata "a spalla" da 12 portatori che, camminando scalzi, come vuole la tradizione, hanno percorso le vie del paese attraversando un ponte di barche sul canale Bacchiglione per poi fare rientro nella Chiesa di Sant'Andrea. La Polizia Provinciale, i Carabinieri della Stazione di Codevigo e della Compagnia di Piove di Sacco, la Polizia Locale, la Protezione Civile e gli uomini dell'Associazione Nazionale Carabinieri hanno presidiato il circuito assicurando il corretto svolgimento dell'evento. L'Assessore alla Polizia Provinciale Enrico Pavanetto ha detto: "Il nostro personale ha collaborato per la riuscita dellevento che ha attirato migliaia di fedeli. Nonostante le ridotte risorse umane a disposizione, siamo riusciti a garantire la presenza di due pattuglie".
-

link paese dello Zucchero paese dello Zucchero
Eventi e Appuntamenti
<< novembre 2017 >>
L M M G V S D
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
             
 
 
Servizi interattivi
modulistica
contatti
mappa del sito
sms

 indirizzo: via Roma, 271 - 35029 Pontelongo (Pd)  telefono: 049/9775265  fax: 049/9775565  e-mail: segreteria@comune.pontelongo.pd.it  posta elettronica certificata: comunepontelongo.pd@legalmailpa.it  p.iva: 01833500281  cod.fiscale: 80009850282


Questo sito internet è valido html 4.01 strict, clicca per accedere al validatore html 4.01, il sito verrà aperto in una nuova finestra   Questo sito internet è valido CSS 2.0, clicca per accedere al validatore css, il sito verrà aperto in una nuova finestra   sito internet validato wcag wai a  Questo sito internet è multibrowser   accessibilità  |  access key  |  mappa del sito  |  privacy 
scegli la modalità
Visualizza il testo con caratteri normali  Visualizza il testo con caratteri grandi  Visualizza il testo con contrasto elevato  Visualizza i contenuti senza la presenza della struttura grafica Rete civica realizzata da Progetti di Impresa Srl © 2010

utenti connessi utenti connessi: 68    utente sei il visitatore n°2615598 dal 1° gennaio 2010