Benvenuto nella Rete Civica del Comune di PONTELONGO (PD) - clicca per andare alla home page

 indirizzo: via Roma, 271 - 35029 Pontelongo (Pd)  telefono: 049/9775265  fax: 049/9775565  e-mail: segreteria@comune.pontelongo.pd.it  posta elettronica certificata: comunepontelongo.pd@legalmailpa.it  p.iva: 01833500281  cod.fiscale: 80009850282
 Codice fatturazione elettronica: UFGV7W

cerca nel sito
motore di ricerca
HOME » Dai giornali locali | 2010 | Ottobre 2010

clicca per stampare il contenuto di questa paginastampa

scritto da Superamministratore   19/04/2011

Ottobre 2010

IL MATTINO di Padova - DOMENICA, 31 OTTOBRE 2010
Digitale terrestre, il Veneto rincorre - Il 40% delle famiglie non sono pronte: il 26 novembre via a Padova e Venezia
.
VENEZIA. Parte il conto alla rovescia per il passaggio del Veneto al digitale terrestre. Lo switch off (spegnimento) del sistema di trasmissione televisivo analogico deciso dall'Unione Europea, partirà il 26 novembre con il passaggio al digitale nelle province di Verona, Padova, Venezia e Rovigo. Il 27 novembre sarà, invece, la volta di Vicenza e così via per tutte le province del Nordest fino al 15 dicembre. Già pronti. Secondo le stime degli antennisti di Confartigianato del Veneto, il 60% delle famiglie della regione è già pronto al passaggio al digitale terrestre, avendo acquistato un televisore di ultima generazione con decoder integrato oppure un decoder esterno da collegare al proprio televisore. Nel restante 40 per cento i veneti si faranno cogliere impreparati dall'evento che rivoluzionerà l'utilizzo della tv. Cosa comprare. Per vedere la tv in digitale terrestre (DTT) occorre un decoder Zapper o Mhp che si acquista in un qualsiasi negozio di elettrodomestici? spiega Maurizio Leoni, presidente Antennisti Confartigianato Veneto. Con un costo tra i 25 e i 50 euro, con uno Zapper (bollino grigio) si riceveranno i canali "in chiaro", cioè non a pagamento. Con una spesa tra i 50 ai 170 euro, si compra un decoder Mhp, detto "interattivo" (bollino blu o gold). Questo permette di vedere i canali a pagamento, di sfruttare l'interattività tipica del segnale digitale, di accedere ai servizi multimediali di T-government della pubblica amministrazione e di registrare le trasmissioni. In alternativa - prosegue ancora Leoni - si può acquistare un televisore con decoder integrato (bollini bianco, silver, blu e gold) per vedere i canali in chiaro, mentre per i programmi a pagamento occorre acquistare anche il dispositivo Cam. L'agevolazione. Il ministero dello Sviluppo economico ha previsto un'agevolazione di 50 euro per l'acquisto di un decoder Mhp interattivo per le persone con reddito inferiore a 10mila euro lordi annui. Cosa fare. Controllare che la confezione del decoder acquistato comprenda i cavetti necessari al collegamento (i modelli economici, a volte, non comprendono i cavi). Allo stesso modo, occorre controllare di avere un attacco "scart" nella propria televisione. Seguendo le istruzioni allegate al decoder sarà possibile installare e sintonizzare l'apparecchio senza l'aiuto di un tecnico. L'aiuto in più. Confartigianato del Veneto, in accordo con la Regione, ha provveduto a formare nello specifico i propri antennisti. A breve sarà firmata una convenzione tra la categoria e la Regione per calmierare il prezzo dell'intervento base di un antennista abilitato, iscritto presso la Camera di commercio, aderente a Confartigianato o ad altra associazione. L'installazione del primo decoder, il collegamento cavi, la sintonizzazione e la valutazione sulla qualità del segnale ricevuto - spiega a questo proposito Leoni - avranno un costo di 40 euro, più 10 euro per ogni decoder aggiuntivo. Nel caso di interventi condominiali centralizzati verrà presentato un preventivo all'amministratore. Oltre alla convenzione, la categoria Antennisti si è dotata di un codice etico a garanzia del cliente, per differenziare il servizio professionale da quello improvvisato. Antenne. Nel primo periodo di digitalizzazione del segnale non sarà necessario richiedere un intervento del tecnico. Per le trasmissioni Rai, Mediaset e Telecom (La7) - rassicura il presidente degli Antennisti - non occorrerà mettere mano al dispositivo di ricezione. Un diverso orientamento delle antenne sarà necessario in futuro per ricevere alcuni canali minori o in alta definizione (segnale HD)?. Braccio di ferro. Dovrebbe risolversi con degli accordi bilaterali con Croazia e Slovenia, la diatriba sulla possibilità per le maggiori tv locali di aggiudicarsi un terzo delle 27 frequenze "pulite" (senza interferenze) disponibili a Nordest. A giorni verranno infatti assegnate le frequenze per tarare gli impianti di trasmissione, momento in cui gli Antennisti di Confartigianato prevedono la comparsa di tre zone con segnale tv "oscurato" in corrispondenza del portogruarese e a nord di Verona (canali Mediaset) e alcune aree del bellunese, che dovranno dotarsi di antenna parabolica tivùsat per captare il segnale del digitale terrestre.
SABRINA PINDO

-

IL GAZZETTINO di Padova - Sabato 30 Ottobre 2010,
Il rito del maiale,regole più severe - Protocollo dell'Usl per la macellazione a domicilio - Metodi incruenti e autorizzazione del sindaco
.
Cambiano le regole per la macellazione dei suini a domicilio. Con una circolare inviata a tutti i sindaci della Saccisica, l'Usl 16 informa che sarà possibile macellare il maiale per uso familiare anche nel corso del prossimo inverno. Ma solo secondo le regole stabilite dal nuovo protocollo. Innanzitutto la macellazione a domicilio è consentita per un massimo di due suini per nucleo familiare. Hanno diritto di essere autorizzati alla macellazione soltanto i detentori di animali in possesso di codice di allevamento. La macellazione a domicilio potrà avvenire soltanto nei giorni e negli orari concordati con i distretti veterinari di competenza. L'autorizzazione alla macellazione a domicilio deve essere rilasciata dal sindaco a seguito di apposita domanda. Al momento i comandi di polizia locale dei vari Comuni della Saccisica non hanno ricevuto ancora alcuna richiesta. Ormai anche questa è una tradizione che andrà perdendosi - osserva il primo cittadino di Codevigo, Graziano Bacco - Come succede per la "suca baruca" tra qualche anno saremo costretti a fare la festa del maiale, con la rievocazione della figura del norcino o del "massin", come dicono qui. Ora le famiglie interessate ad acquistare la carne del suino in grande quantità si mettono insieme e si recano direttamente al macello. Vero è che, comunque, il periodo in cui tradizionalmente avviene la macellazione del suino va dalla prima settimana di dicembre fino all'Epifania. Ad oggi ai nostri uffici non è arrivata alcuna richiesta - dicono i sindaci di Legnaro, Ivano Oregio Catelan, e di Sant'Angelo di Piove, Romano Boischio - In ogni caso noi abbiamo delegato il distretto veterinario di Piove di Sacco, sito in via san Rocco, a ricevere le domande. Al momento tutto tace anche a Correzzola, Arzergrande e Pontelongo. Difficile credere che la tradizione dell'uccisione del maiale nelle campagne della Bassa sia del tutto svanita. Forse ancora non tutti sanno che l'operazione deve avvenire secondo regole ferree che tutelano l'animale e l'aspetto igienico sanitario. E che per procedere devono avere l'autorizzazione del sindaco.
Federica Bertaggia
-

IL GAZZETTINO di Padova - Martedì 26 Ottobre 2010,
PONTELONGO Ristrutturata la palestra, taglio del nastro con la giunta
.
Grande partecipazione, domenica pomeriggio, all'inaugurazione della palestra di via Villa del Bosco, al termine dei lavori di ristrutturazione. Molteplici gli interventi che, negli ultimi mesi, hanno dato nuovo smalto al servizio. A partire dal rifacimento completo della copertura con la posa di un un nuovo tetto in legno lamellare. Questa fase del cantiere, in particolare, si è prolungata più del previsto a causa delle numerose giornate di maltempo che hanno costretto la ditta incaricata a sospendere i lavori. La sistemazione dello stabile di via Villa del Bosco, da decenni deputato allo sport e alle attività ricreative, ha visto anche la sostituzione integrale del sistema di illuminazione e il restyling completo dell'interno con nuove imbiancature. Più luminoso, accogliente e funzionale, quindi, l'ambiente ha aperto le porte alle società e ai gruppi sportivi che lo utilizzano per allenamenti e competizioni. Siamo molto orgogliosi di poter consegnare alla comunità di Pontelongo una palestra rinnovata e quindi più confortevole, ha detto il sindaco Fiorella Canova prima di procedere al taglio del nastro con gli altri componenti della sua giunta. I lavori proseguiranno con la posa sul nuovo tetto di un impianto fotovoltaico con una potenza di circa 40 kW che fornirà l'energia necessaria agli impianti sportivi, con conseguente notevole risparmio di risorse economiche, ha aggiunto il primo cittadino.
(Fe.Be.)
-

IL MATTINO di Padova - VENERDÌ, 22 OTTOBRE 2010
Lo chef Piergiorgio Siviero oggi alla Prova del cuoco.
.
PONTELONGO. Lo chef Piergiorgio Siviero del ristorante Lazzaro 1915 di Pontelongo, già allievo di Ducasse, finalista quest'anno al Bocuse d'Or e segnalato da più guide, farà oggi la sua prima apparizione televisiva alla Prova del cuoco, la popolare trasmissione condotta da Antonella Clerici in onda alle 12 su Rai1. Preparerà una pietanza nell'ambito della rubrica Caccia al voto che sarà giudicata con il televoto dai telespettatori. Lo chef siciliano Carmelo Chiaramonte parlerà del porcino.

-

IL GAZZETTINO di Padova - Sabato 16 Ottobre 2010,
PONTELONGO Lezioni di italiano per mamme straniere
.
Donne straniere a scuola di italiano, in particolare mamme, grazie a un corso gratuito promosso dal comune di Pontelongo in collaborazione con il Ctp per l'educazione degli adulti di Piove di Sacco. L'iniziativa nasce da un dato di fatto: Pontelongo è il comune della Saccisica con la più alta presenza di extracomunitari residenti, il 13,5%. Ci siamo accorti che le donne hanno più difficoltà dei loro mariti a comprendere ed esprimersi in italiano - spiega il sindaco, Fiorella Canova - Spesso non lavorano e quindi hanno meno occasioni di integrazione. Sono i loro figli il più delle volte che, attraverso le nozioni apprese a scuola, fanno da interpreti, anche nei colloqui con le insegnati?. Marocchina e nigeriana sono le due nazionalità più presenti in paese e dunque verso le quali il corso punterà a far proseliti. Le lezioni inizieranno il 26 ottobre alle 9 in biblioteca comunale, con due incontri settimanali da due ore ciascuno fino a maggio. Un test di ingresso accerterà il livello di conoscenza della lingua italiana per differenziare il programma. A novembre proporremo inoltre degli incontri - anticipa la Canova - che coinvolgeranno genitori, bambini e ragazzi italiani e stranieri, per un percorso sull'integrazione.
(Gl.C.)
-
IL MATTINO di Padova - SABATO, 16 OTTOBRE 2010
Investimenti in tre anni per ristrutturare, ampliare e riorganizzare la struttura piovese. Dieci milioni per l'ospedale. Lavori al pronto soccorso e all'obitorio, sarà recuperata la parte vecchia. Rao: ?Come un bimbo vogliamo farlo crescere al meglio?
.
PIOVE DI SACCO. Quasi dieci milioni di euro in tre anni: tanto spenderà l'Usl 16 per la ristrutturazione e l'ampliamento dell'ospedale Immacolata Concezione. E' dei giorni scorsi l'approvazione del piano triennale delle opere pubbliche, che l'azienda ha concordato con la Regione. Le premesse sembrano scrollare definitivamente dalla struttura piovese l'immagine da Cenerentola che aveva assunto negli ultimi anni in seno all'Usl 14 di Chioggia. E lo conferma lo stesso direttore generale Fortunato Rao: L'ospedale di Piove è il nostro bambino piccolo - dice scherzando - e abbiamo tutta l'intenzione di farlo crescere bene. Adeguamento antisismico, ristrutturazione e riorganizzazione dei reparti, pronto soccorso e obitorio: questi i fronti su cui si lavorerà nei prossimi anni. Tre milioni - illustra Rao - serviranno per i lavori di adeguamento alle norme antisismiche. Sarà necessario rinforzare tutta la struttura secondo i nuovi parametri con una serie di maglie di acciaio che dovranno sostenere pilastri e strutture portanti. L'obitorio verrà ampliato e ristrutturato, in attesa di capire se sarà possibile spostarlo dove ora c'è il distretto, che dovrebbe trovare collocazione all'esterno dell'ospedale. I lavori per l'ampliamento e la modernizzazione del pronto soccorso per due milioni di euro sono già iniziati - aggiunge - ed è prevista anche la realizzazione di un'entrata separata per le emergenze, in modo che le ambulanze non dovranno più transitare nell'area parcheggio e sulla stessa via dove arrivano personale e visitatori. Un ulteriore accesso sarà riservato all'accoglienza, coloro che devono recarsi allo sportello per prenotare le visite e pagare i ticket. Secondo il piano, tre milioni e mezzo di euro sono destinati al restyling dei reparti: Procederemo al progressivo recupero della parte vecchia dell'ospedale per riorganizzare i reparti in modo più funzionale - conferma Rao - per trovare le soluzioni ottimali in questo senso abbiamo aperto un confronto con i primari. Un ulteriore importante intervento che vedrà la luce nell'arco del prossimo triennio è la sostituzione delle lastre di copertura della facciata dell'ospedale.
ELENA LIVIERI
-
IL MATTINO di Padova - VENERDÌ, 15 OTTOBRE 2010
I Comuni della Saccisica fanno fronte per dare una risposta all'emergenza lavoro e investono 32.000 euro nel progetto. Otto corsi di formazione per 80 disoccupati. Le domande dal 20 ottobre: chi entra in graduatoria avrà un buono di 300 euro
.
PIOVE DI SACCO. Otto corsi di formazione, 32 mila euro per finanziarli, provincia di Padova, comuni della Saccisica, Confindustria, Upa e Enaip uniti per dar risposte al problema dell'occupazione nel territorio. L'iniziativa, presentata ieri mattina a Palazzo Jappelli, è rivolta ai disoccupati e ai lavoratori in mobilità, senza diritto all'indennità. Chi avrà i requisiti per entrare nella graduatoria potrà beneficiare di un voucher di 300 euro che gli consentirà di partecipare a uno dei corsi di formazione che sono stati individuati dopo aver completato un'indagine fra le aziende del Piovese per capire il tipo di professionalità richieste. I comuni coinvolti sono Piove di Sacco, Arzergrande, Brugine, Codevigo, Legnaro, Polverara, Pontelongo e Sant'Angelo. La metà del finanziamento, circa 16 mila euro, è appannaggio di Piove, mentre gli altri comuni hanno contribuito in misura proporzionale al numero di residenti. I corsi sono per addetto alla saldatura, tecnica del freddo, ciclo frigorifero a compressione, gestione macchine utensili Cnc (a controllo numerico), impianti elettrici civili, progettazione meccanica con autocad (disegni con l'uso del computer), contabilità di base, energie rinnovabili. Non si tratta di una polizza assicurativa per trovare lavoro - ha sottolineato il sindaco Sandro Marcolin - l'intento punta a dare la possibilità a persone disoccupate di reinserirsi grazie all'acquisizione di nuove professionalità che vengono richieste dalle aziende del territorio?. Un passo ulteriore del progetto - ha sottolineato Andrea Rampazzo, delegato per la formazione di Confindustria del Piovese - consiste nel coinvolgere le aziende affinché offrano spazi per il tirocinio alla fine dei corsi: così potrebbe aprirsi una naturale via preferenziale per una eventuale assunzione. L'iniziativa - ha confermato il rappresentante sindacale Roberto Franco - è lodevole e unica in provincia e in regione per soggetti coinvolti e potenzialità. Le persone interessate devono presentarsi al Centro per l'impiego di Piove di Sacco con la carta d'identità e il modello Isee 2009 e chiedere di aderire al programma. L'ammissione delle domande verrà effettuata sulla base di diversi criteri di valutazione: età dei richiedenti, durata della disoccupazione o della mobilità, reddito familiare. I voucher messi a disposizione sono ottanta, con un minimo di tre posti assicurati per ciascun comune. Le domande vanno presentate dal 20 ottobre al 22 novembre.
ELENA LIVIERI
-
IL MATTINO di Padova - VENERDÌ, 15 OTTOBRE 2010
PONTELONGO Imparare l'italiano
.
PONTELONGO. Il comune di Pontelongo organizza un corso gratuito di italiano per donne straniere di prima alfabetizzazione, in collaborazione con il Centro territoriale permanente per l'educazione degli adulti di Piove. Il corso inizia il 26 ottobre, alle 9, nei locali della biblioteca comunale. Per le iscrizioni rivolgersi all'ufficio servizi sociali.
(al.ces.)
-
IL GAZZETTINO di Padova - Venerdì 15 Ottobre 2010,
Pontelongo All'asta gli alloggi dell'Ater
.
L'Ater continua a mettere in vendita gli alloggi popolari siti nel comune di Pontelongo, rimasti liberi dopo l'assegnazione al Comune e ai privati residenti. Mercoledì prossimo, nella sede di via Raggio di sole, a Padova, alle 11 sarà aperta l'asta, a trattativa privata, per l'aggiudicazione di un appartamento di via Nievo, composto da ingresso, soggiorno, cucina, ripostiglio, bagno, tre camere, disimpegno ed area scoperta. Il prezzo base è di 104.400 euro. Chi fosse interessato all'offerta può presentarsi direttamente all'appuntamento ma anche chiedere ulteriori informazioni agli uffici preposti, telefonando allo 049.87.32.919. Come previsto dalla normativa l'immobile in questione, così come tutti gli altri di cui è stata proposta la vendita con questa modalità, allo stato delle cose è libero da persone e cose e viene venduto nello stato di fatto e di diritto in cui si trova. Saranno dunque a carico dell'aggiudicatario tutti lavori di manutenzione del fabbricato, comunque deliberati fino alla data della stipula del contratto di compravendita. L'offerta potrà essere avanzata da cittadini italiani, europei ed extracomunitari, purchè in possesso dei documenti previsti dalla legge.
(Fe.Be.)
-
IL GAZZETTINO di Padova - Venerdì 15 Ottobre 2010,
PIOVE DI SACCO Comuni della Saccisica, sindacati, associazioni economiche. Formazione, terapia anticrisi. Corsi di qualificazione diretti ai disoccupati per rientrare nel mondo del lavoro
.
Formazione: è questa, secondo i sindaci della Saccisica, la terapia più efficace per contrastare gli effetti della crisi economica e favorire il reintegro dei lavoratori nelle aziende. I Comuni di Piove di Sacco, Arzergrande, Brugine, Codevigo, Legnaro, Polverara, Pontelongo e Sant'Angelo hanno messo insieme 32 mila euro per finanziare dei corsi di formazione rivolti ai disoccupati e alle persone in mobilità che non godono del diritto di mobilità. Addetto alla saldatura, tecnico del freddo, ciclo frigorifero e compressione, gestione macchine utensili, impianti elettrici civili, progettazione e meccanica con autocad, contabilità di base ed energie rinnovabili sono le materie sulle quali, chi vorrà e ne avrà i requisiti, potrà specializzarsi gratuitamente per tentare di rientrare nel mondo del lavoro. I corsi, promossi con il sostegno della Provincia, dei sindacati di Cgil, Cisl e Uil, di Confindustria, Cna, Upa ed Enaip, hanno una durata che varia da 24 a 40 ore e saranno organizzati da Forema, Enaip e Upa Formazione. Ogni Comune partecipante all'iniziativa avrà garantiti tre posti, il che significa che, complessivamente, saranno circa 25 le persone che sicuramente potranno accedere all'iniziativa ma i sindaci si impegneranno ad estendere la possibilità al maggior numero di persone. Anche per questo sono stati preventivati 80 vaucher (buoni lavoro) del valore di 300 euro l'uno. Questi, insieme alla speranza di poter ottenere un posto di lavoro al termine del percorso, rappresentano già un buon incentivo per cogliere al volo l'offerta proposta. Gli interessati possono presentare richiesta al centro per l'impiego di vicolo Ferrari, a Piove di Sacco. Sarà poi stilata una graduatoria che terrà conto del reddito, dell'età e dell'anzianità di iscrizione alle liste di mobilità dei richiedenti.
-

IL GAZZETTINO di Padova - Mercoledì 13 Ottobre 2010,
PAGHERANNO TUTTI Consorzi di Bonifica: ok al ritorno della bolletta
.
VENEZIA - Manca solo il sì definitivo del consiglio regionale del Veneto (e i tempi, peraltro, stringono), ma un via libera alla reintroduzione della tassa per gli utenti urbani dei Consorzi di bonifica è già arrivato. Ieri mattina, infatti, la commissione agricoltura di Palazzo Ferro Fini ha licenziato, a maggioranza, il disegno di legge della Giunta che propone, per il 2010, la moratoria delle esenzioni dal pagamento del canone dovuto ai consorzi da parte degli immobili urbani serviti da pubblica fognatura. Il testo è stato approvato con i voti della maggioranza Pdl e Lega. Contraria la Federazione della Sinistra. Pd e Udc si sono astenuti riservandosi di precisare la propria posizione e presentare altre proposte quando il testo sarà discusso in aula. La tassa per gli "urbani" era stata cancellata lo scorso anno. Ma per i Consorzi era stata una mazzata: si sono ritrovati con 15 milioni di euro in meno e non sono riusciti a farsi rifondere quei soldi dalle aziende che gestiscono il servizio idrico integrato, cioè l'acqua e le fognature. La questione - come ha spiegato in commissione l'assessore Conte - sarà risolta con la definizione di specifici piani che contengano l'esatta perimetrazione delle aree nelle quali insistono gli immobili serviti da pubblica fognatura i cui scarichi sversano nel sistema scolante di bonifica. Ma per quest'anno, per "salvare" i Conzorzi, peraltro essenziali per la tutela del territorio, la Regione ha deciso di ripristinare la tassa. Una precisazione: rimane l'esenzione per chi dovrebbe pagare una bolletta inferiore a 16,53 euro. Sotto quella cifra non si paga. Al di sopra, dovranno pagare tutti, anche gli "urbani" che già pagano le bollette delle fognature. Ieri in commissione è stato spiegato che i bilanci di previsione 2010 dei 10 Consorzi di Bonifica del Veneto per quanto riguarda la contribuenza extragricola prevedono entrate per circa 41 milioni di euro. Ferma restando l'esenzione per tutti i contributi urbani di importo inferiore ai 16,53 euro, le altre esenzioni che si vuole temporaneamente sospendere per il 2010 arrivano a circa 20 milioni.
(al.va.)
-
IL MATTINO di Padova - Mercoledì 13 Ottobre 2010,
Recuperata in acqua un auto rubata
.
PONTELONGO. Recuperata ieri dal Bacchiglione a Roncajette l'auto rubata nella notte a un nigeriano che vive a Pontelongo. La presenza dell'auto nell'acqua aveva destato la preoccupazione dei passanti che hanno subito chiamato i soccorsi temendo che all'interno potesse esserci qualcuno.
(e.l.)
-
IL GAZZETTINO di Padova - Martedì 12 Ottobre 2010,
PONTELONGO Nonni con le scarpe da ginnastica per curare con il movimento
.
Vecchio sarai tu!?. Con questo accattivante slogan l'amministrazione comunale si propone di far scendere in strada, scarpe ginniche ai piedi, tutti gli over sessanta del paese. Lo scopo del nuovo corso di ginnastica, infatti, è quello di promuovere la cultura del movimento come ?medicina? per il mal di schiena, l'artrosi, l'asma, l'obesità e, soprattutto, la solitudine e la tristezza. Per due volte alla settimana, il lunedì e il venerdì mattina (dalle 9.30 alle 10.30 e dalle 10.30 alle 11.30), nella palestra delle scuole medie di largo Cavalieri di Vittorio Veneto gli interessati potranno immergersi in una speciale lezione di benessere, tenuta da insegnati qualificati, e trascorrere un paio d'ore in compagnia facendo del bene alla propria salute. Visto il pubblico a cui la proposta è rivolta, i costi sono stati ridotti il più possibile: la quota mensile è di soli 15 euro. La prima lezione si è già tenuta lunedì scorso ma chi fosse interessato può ancora rivolgersi all'ufficio Anagrafe per ottenere informazioni.
(Fe.Be.)
-
IL MATTINO di Padova - Domenica 10 Ottobre 2010,
Schianto in auto giovane ferito
.
Perde il controllo della sua auto e finisce contro un palo: è successo venerdì notte in via Garibaldi a Correzzola. Protagonista dell'incidente stradale, che si è verificato poco dopo le due, un trentatreenne di nazionalità albanese, N.E., che vive a Pontelongo. Stava viaggiando al volante della sua Opel Astra lungo la strada che attraversa il centro del paese quando, forse per l'eccessiva velocità o per una distrazione, poco prima di una curva ha sbandato schiantandosi contro il palo in cemento della linea elettrica. Il violento botto nel cuore della notte ha svegliato alcuni residenti che, resisi conto di quanto era accaduto, hanno chiamato subito i soccorsi. N.E. aveva riportato fortunatamente soltanto ferite superficiali. Sul posto sono intervenuti sia i carabinieri che i vigili del fuoco.
(e.l.)
-

IL GAZZETTINO di Padova - Domenica 10 Ottobre 2010,
PIOVE DI SACCO Videosorveglianza Venticinque "occhi" vigilano sulla Saccisica
.
Summit sulla sicurezza da parte dei sindaci della Saccisica. Venerdì sera i primi cittadini si sono dati appuntamento a palazzo Jappelli per fare il punto sulle azioni da intraprendere per garantire tranquillità e ordine pubblico ai loro cittadini. In particolare si è parlato del grande progetto per la videosorveglianza del territorio, che dovrebbe diventare realtà entro l'anno. La Regione, infatti, ha concesso ai sei Comuni richiedenti (Piove di Sacco, Sant'Angelo, Arzergrande, Codevigo, Pontelongo e Brugine) un finanziamento di 250 mila euro per installare 25 telecamere di tipo ?dome?, collegate al comando della polizia locale di Piove di Sacco. Il contributo andrà a coprire circa il settanta per cento della spesa prevista. Il resto lo stanno già stanziando i singoli Comuni. Ancora qualche mese di pazienza, quindi, e i cittadini potranno contare su una rete di oltre due decine di occhi elettronici, che sorveglieranno gli angoli più a rischio del territorio. I primi cittadini, l'altra sera, si sono confrontati a lungo su dove potrebbero essere posizionate le telecamere. Secondo una mappa ancora da definire, quasi la metà dovrebbero rimanere nel capoluogo della Saccisica, in particolare due in viale Europa, due in via Codogno, due in piazzetta Carlo Rosso, altre due lungo la statale 516, una in piazzetta Nassirya, una a Sant'Anna, un'altra in piazzale Serenissima e infine una in via Fiumicello. Il resto degli occhi elettronici sarebbe distribuito tra Codevigo, Arzergrande, Brugine, Sant'Angelo e Pontelongo.
(Fe.Be.)
-
IL GAZZETTINO di Padova - Domenica 10 Ottobre 2010,
.
Un boato ha svegliato l'altra notte i residenti di via Garibaldi, quando un giovane al volante di una Opel Astra, percorrendo la strada a tutta velocità, ha perso il controllo andando a schiantarsi contro un palo dell'Enel. Lui è uscito illeso, il traliccio e l'auto sono andati distrutti. È successo poco dopo le due di sabato in pieno centro a Correzzola. N.E., trentatreenne albanese residente a Pontelongo, ha perso il controllo della guida ed è finito fuori strada. Il botto contro il palo ha fatto sobbalzare dal letto decine di residenti, che si sono precipitati fuori a prestare soccorso. Fortunatamente il giovane era illeso. Sul posto i carabinieri di Piove di Sacco.
(Fe.Be.)
-

IL MATTINO di Padova - VENERDÌ, 08 OTTOBRE 2010
Assassino catturato mentre è al bar. Appena compiuto il feroce delitto nel Milanese, l'uomo era venuto a rifugiarsi nel suo paese d'origine
.
PONTELONGO. Stava leggendo il giornale seduto a uno dei tavoli all'aperto del bar Milù di via Mazzini: forse cercava tra le pagine del quotidiano notizie dell'omicidio per il quale i carabinieri gli sono piombati addosso in quel momento per arrestarlo. P. Z. 52 anni, nato a Pontelongo e trasferitosi a Paderno Dugnano nel Milanese quando aveva 3 anni, non ha opposto resistenza. Mercoledì sera si è consegnato agli uomini in divisa. Su di lui pesa un'accusa gravissima: è il presunto autore del feroce omicidio di Petronilla Sanfilippo, la vedova di 55 anni trovata ammazzata con ferite da coltello e la testa fracassata da un colpo di ferro da stiro nella sua abitazione di Garbagnate. La scoperta del corpo martoriato della donna, che da quattro anni aveva una relazione con P.Z. è stata fatta mercoledì mattina. La latitanza del cinquantaduenne, su cui si sono subito dirette le indagini, si è interrotta la sera dello stesso giorno, alle 22.20. I carabinieri della Compagnia di Piove di Sacco, informati dai colleghi di Rho della possibilità che P.Z. avesse cercato rifugio dai parenti di Pontelongo, lo hanno trovato dopo brevi ricerche al bar Milù. Petronilla Sanfilippo, che ha lasciato due figli, con P.Z. aveva instaurato un burrascoso rapporto sentimentale. I vicini hanno confermato ai carabinieri che spesso dall'abitazione della donna si sentivano urla e feroci litigate. P.Z. aveva lavorato come piastrellista e muratore ma attualmente era senza un lavoro, aveva problemi con la droga, un matrimonio fallito alle spalle. La scena che si sono trovati davanti i carabinieri quando sono entrati nell'appartamento di Petronilla Sanfilippo li ha convinti che si trattasse di un delitto passionale. Come ha rivelato l'autopsia, la donna è stata colpita con quattro pugnalate al fianco sinistro, quindi il suo carnefice le ha fracassato il cranio con il ferro da stiro. P. Z. ha raccontato la zia Rosina Bergantin ai carabinieri, è arrivato a Pontelongo martedì. Forse risale a quel giorno l'omicidio. E' arrivato con la Kia Sportage della Sanfilippo. La stessa auto con cui mercoledì sera ha raggiunto il bar Milù. I carabinieri hanno notato l'uomo seduto a un tavolo fuori. Hanno chiamato rinforzi e l'hanno accerchiato. Gli hanno stretto le manette ai polsi e si sono fatti consegnare le chiavi dell'auto. Dentro hanno trovato 1.500 euro in contanti e le carte di credito delle donna. P.Z. è trattenuto al Due Palazzi fino all'interrogatorio di garanzia. Poi l'attende il carcere di San Vittore.
ELENA LIVIERI
-
IL MATTINO di Padova - VENERDÌ, 08 OTTOBRE 2010
IL RACCONTO DELLA ZIA ? E' arrivato martedì con una bella auto?
.
PONTELONGO. R.B. vive in via Candiana. Ha sposato un fratello del papà di P.Z. ed è proprio da lei che il nipote, martedì pomeriggio, si è presentato per chiedere ospitalità. ?E' arrivato intorno alle 4 con una bella macchina - ha raccontato l'anziana - e ho visto che aveva anche dei soldi. Quando ieri sua mamma mi ha chiamato e gliel'ho detto e si è preoccupata molto, mi ha riferito che lo stavano cercando i carabinieri. Io però l'ho visto andare via alla mattina - assicura la zia - e a casa mia non è più tornato. Non so cosa pensare di quello che è successo, P. aveva diversi problemi, mi dispiace se ha fatto qualcosa di male. A me non ha raccontato niente. I carabinieri sono venuti qui l'altra sera dopo che l'avevano preso al bar, ho saputo da loro che era stato arrestato?. P.Z. è nato a Pontelongo ma a 3 anni è partito con i genitori per Paderno Dugnano in provincia di Milano, dove il padre aveva trovato un lavoro. Da allora è tornato poche volte. Fino a qualche anno fa aveva lavorato come muratore e poi come piastrellista. Si era anche sposato ma il matrimonio è finito da tempo. La sua è stata sempre una vita difficile, segnata dai problemi legati alla tossicodipendenza. La relazione con Petronilla Sanfilippo durava da anni nonostante fosse costellato da litigi. Fino a martedì, quando forse l'ultima violenta lite ha messo tragicamente fine alla loro storia.
(e.l.)
-
IL MATTINO di Padova - VENERDÌ, 08 OTTOBRE 2010
IL TITOLARE DEL BAR MILU' ? Era calmissimo?
.
PONTELONGO. ?Quando ho sentito la notizia alla televisione non volevo crederci?: R.P. esprime tutta la sua incredulità sulla possibilità che P.Z. abbia commesso l'efferato omicidio di Petronilla Sanfilippo. R.P. è il titolare del bar Milù, stava dietro al banco a sciacquare bicchieri quando mercoledì sera i carabinieri sono arrivati per arrestare P.Z. ?Non mi sono quasi accorto di nulla - racconta il barista - non c'è stato parapiglia, l'hanno preso e l'hanno portato via. Io l'avevo visto qui al bar anche qualche giorno fa. Beveva un caffè e poi usciva a leggere il giornale. Proprio come ha fatto ieri sera. Sapevo che era originario di queste parti ma non lo conoscevo. Era calmissimo, non ha mostrato alcun segno di inquietudine. Pensarci adesso fa venire un po' i brividi - ammette R.P. - staremo a vedere come va a finire questa brutta storia?.
(e.l.)
-

IL MATTINO di Padova - Giovedì, 07 ottobre 2010
Arrestato a Pontelongo l'assassino di Paderno

.

PONTELONGO.E' stato arrestato stanotte Paolo Zeffin, 52enne di Paderno Dugnano, nel Milanese, accusato di aver ucciso la compagna con quattro coltellate al fianco sinistro e poi a colpi di ferro da stiro. Stava cercando di scappare: a Pontelongo aveva dei parenti cui avrebbe provato a chiedere di aiutarlo. E' stato arrestao mentre si trovava dentro al "Bar Milù", in pieno centro a Pontelongo. E' finita così nel Padovano la fuga di P. Z. 52enne di Paderno Dugnano, nel Milanese, accusato di aver ucciso a Garbagnate la compagna Petronilla Sanfilippo, 55 anni, con quattro coltellate al fianco sinistro e poi a colpi di ferro da stiro. Proprio col ferro, al culmine dell'ennesima lite l'uomo, tossicodipendente e senza lavoro, ha sfondato il cranio della donna nella sua stanza da letto.Il presunto omicida è stato catturato intorno a mezzanotte. In tasca aveva soldi e carte di credito e stava programmando l'espatrio in Slovenia. Zeffin era arrivato a bordo di una Kia Sportage grigia di proprietà della vittima. Fatale per lui è stata la localizzazione satellitare, che ha permesso agli inquirenti di rintracciarlo.
-

IL MATTINO di Padova - MARTEDÌ, 05 OTTOBRE 2010
PONTELONGO Scooter e due auto si scontrano Ferito un ragazzo
.
PONTELONGO. Uno scooter e due auto sono stati coinvolti domenica pomeriggio in un incidente stradale che si è verificato intorno alle 15.15 in via Candiana. Ad avere la peggio il diciassettenne che viaggiava sul suo ciclomotore. E' finito all'ospedale ma le sue condizioni fortunatamente non sono gravi. Secondo la ricostruzione degli agenti della Polstrada, pare che il ragazzo abbia invaso l'opposta corsia di marcia mentre affrontava una curva, provocando la collisione con le due auto, una Citroen C3 e una Mercedes Classe A. Il giovane è finito a terra ed è stato subito soccorso e accompagnato all'ospedale con l'ambulanza. Illesi i due automobilisti.
(e.l.)
-

IL GAZZETTINO di Padova - Martedì 5 Ottobre 2010,
PONTELONGO La passerella di Terranova agibile: opposizione perplessa

.

Passerella di Terranova: la vicenda, secondo i consiglieri di minoranza del capogruppo Federico Ossari, avrebbe un ?epilogo misterioso?. A distanza di dieci mesi dalla chiusura al transito dei veicoli, stabilita per ragioni di sicurezza da un'ordinanza del sindaco Fiorella Canova, sono stati riconsegnati ai residenti pass e chiavi. La notizia ha destato scalpore tra i consiglieri di opposizione, che osservano: ?Ci pareva di aver capito che si sarebbe fatto fronte al grave difetto strutturale della passerella, che sarebbe stato adottato il piano di protezione civile per esentare il sindaco da ogni eventuale responsabilità nel rilasciare autorizzazioni ai residenti e che questi sarebbero tornati in possesso dell'autorizzazione al transito solo per ragioni eccezionali. Ora, saltando a piedi pari i primi due punti, a parte un investimento di 7.300 euro per effettuare una prova di carico di cui nessuno ha compreso l'utilità, l'amministrazione è passata direttamente al terzo. Forse la sicurezza dei cittadini sta a cuore al sindaco meno dello scorso anno??.
(Fe.Be.)
-

link paese dello Zucchero paese dello Zucchero
Eventi e Appuntamenti
<< novembre 2017 >>
L M M G V S D
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
             
 
 
Servizi interattivi
modulistica
contatti
mappa del sito
sms

 indirizzo: via Roma, 271 - 35029 Pontelongo (Pd)  telefono: 049/9775265  fax: 049/9775565  e-mail: segreteria@comune.pontelongo.pd.it  posta elettronica certificata: comunepontelongo.pd@legalmailpa.it  p.iva: 01833500281  cod.fiscale: 80009850282


Questo sito internet è valido html 4.01 strict, clicca per accedere al validatore html 4.01, il sito verrà aperto in una nuova finestra   Questo sito internet è valido CSS 2.0, clicca per accedere al validatore css, il sito verrà aperto in una nuova finestra   sito internet validato wcag wai a  Questo sito internet è multibrowser   accessibilità  |  access key  |  mappa del sito  |  privacy 
scegli la modalità
Visualizza il testo con caratteri normali  Visualizza il testo con caratteri grandi  Visualizza il testo con contrasto elevato  Visualizza i contenuti senza la presenza della struttura grafica Rete civica realizzata da Progetti di Impresa Srl © 2010

utenti connessi utenti connessi: 31    utente sei il visitatore n°2615561 dal 1° gennaio 2010