Benvenuto nella Rete Civica del Comune di PONTELONGO (PD) - clicca per andare alla home page

 indirizzo: via Roma, 271 - 35029 Pontelongo (Pd)  telefono: 049/9775265  fax: 049/9775565  e-mail: segreteria@comune.pontelongo.pd.it  posta elettronica certificata: comunepontelongo.pd@legalmailpa.it  p.iva: 01833500281  cod.fiscale: 80009850282
 Codice fatturazione elettronica: UFGV7W

cerca nel sito
motore di ricerca
HOME » Dai giornali locali | 2011 | Agosto 2011

clicca per stampare il contenuto di questa paginastampa

scritto da Amministratore   02/12/2011

Agosto 2011

 

IL GAZZETTINO di Padova - Mercoledì 31 Agosto 2011,
PONTELONGO Abbandonare la spazzatura può costare molto caro.
.
A riconoscere come reato l'abbandono dei rifiuti è un decreto legislativo del 2006, che stabilisce anche due ordini di sanzioni applicabili, a seconda che si tratti di rifiuti generici o pericolosi. Nel primo caso le multe possono variare da 25 a 155 euro, nel secondo da 105 a 620 euro. Un articolo dello stesso decreto identifica, inoltre, come reato penale, l'allestimento di una discarica abusiva. In questo caso le ammende possono variare da 2.600 a 26 mila euro, fino ad arrivare all'arresto da sei mesi a due anni. Quasi tutti i Comuni adottano un proprio regolamento in materia ambientale che mutua le regole stabilite a livello nazionale e spesso le inasprisce con ordinanze "ad hoc" in base alle esigenze territoriali.
(Fe.Be.)
-
IL GAZZETTINO di Padova - Mercoledì 31 Agosto 2011,
PONTELONGO Beffa e multa a cittadino di Piove - Primula rossa dei rifiuti: preso
.
Dopo l'ultimo episodio, che ha del grottesco, l'amministrazione comunale di Pontelongo sta valutando l'ipotesi di servirsi di "vigilantes" dei rifiuti proprio per stroncare un vizietto che si è ripetuto nei giorni scorsi. Qualcuno aveva deciso di sbarazzarsi di alcuni sacchi di immondizia abbandonandoli lungo l'argine del Bacchiglione, a Terranova. Ma tra lattine, vasetti di yogurt e scatolette di tonno untuose, i vigili hanno rinvenuto anche la fotocopia della sua carta d'identità. Così al presunto fautore del gesto, un uomo residente a Piove di Sacco, è stata affibbiata una multa di 103,30 euro per violazione delle norme sullo smaltimento dei rifiuti. Certo, potrebbe anche non essere stato lui a portare materialmente lì la spazzatura. Ma questo aspetto, da non sottovalutare, lo potrà chiarire solo il tribunale amministrativo, se il destinatario della sanzione decidesse di presentare ricorso. Alcuni residenti avevano segnalato pubblicamente la presenza di numerosi sacchi neri colmi di rifiuti, a ridosso del ponte di Terranova - riporta il sindaco Fiorella Canova - Abbiamo mandato la polizia locale a verificare. In effetti le immondizie c'erano ma i vigili hanno scoperto anche di più: rovistando in uno dei sacchi, infatti, è saltata fuori la fotocopia del documento del presunto responsabile dell'abbandono. Ulteriori controlli hanno portato a multare il cittadino piovese. È il quarto verbale per abbandono dei rifiuti redatto dai vigili di Pontelongo in pochi mesi. Altri casi simili si erano verificati nei dintorni dell'econcentro - spiega il vicesindaco Enzo Battisti - Sempre svolgendo dei precisi accertamenti sui rifiuti abbiamo identificato e multato chi li aveva abbandonati. Cittadini italiani ma anche stranieri, in due casi provenienti da fuori Comune. Proprio per stroncare sul nascere queste incivili abitudini, l'amministrazione comunale sta pensando di ingaggiare dei vigilanti ambientali. Vorremo indire un bando per trovare un'associazione specializzata in questo settore - conclude Battisti - L'obiettivo principale è che i nostri argini non diventino discariche a cielo aperto.
(Fe.Be.)
-

IL GAZZETTINO di Padova - Venerdì 26 Agosto 2011,
PONTELONGO Ubriaco al volante sperona un'auto.
.
Ubriaco a metà pomeriggio, esce dritto allo stop e provoca un incidente nel quale rimane ferita in maniera lieve una ventenne di Campagna Lupia. È successo alle 18.30 di mercoledì in via Villa del Bosco, a Pontelongo. B.B., trentacinquenne di Correzzola, al volante della sua Ford Focus non ha rispettato la precedenza e si è schiantato contro la Fiat Brava di C.B., venticinquenne di Campagna Lupia, che viaggiava con B.G., la giovane ferita. Intervenuti sul posto per i rilievi, i carabinieri hanno sottoposto B.B. all'alcoltest: aveva un tasso oltre tre volte il consentito. Per lui è scattata la denuncia per guida in stato di ebbrezza con confisca del mezzo.
(Fe.Be.)
-
IL MATTINO di Padova - VENERDÌ, 26 AGOSTO 2011
Ubriaco sperona un'auto, patente sospesa, multa e Focus confiscata.
.
PONTELONGO. Ubriaco al volante non rispetta lo stop e si scontra con un'altra auto. Ad avere la peggio è stata una ventenne di Campagna Lupia, passeggera dell'auto speronata, che è stata trasportata in ambulanza all'ospedale di Piove. Fortunatamente ha riportato solo alcune contusioni, guaribili in una decina di giorni. L'incidente si è verificato nel tardo pomeriggio di mercoledì, verso le 18.30, all'altezza dell'incrocio tra via Villa del Bosco e la laterale via Mazzini. B.D., un trentacinquenne residente a Correzzola, con la sua Ford Focus, non ha rispettato lo stop posto sulla laterale, e si è buttato sulla strada principale senza controllare se stessero arrivando altri mezzi. E invece sulla traiettoria della Focus si è frapposta la Fiat Brava guidata da C.B., venticinquenne di Campagna Lupia, che viaggiava insieme con la ventenne B.G. sua compaesana. La Ford ha centrato con la parte anteriore la vettura dei veneziani all'altezza della portiera anteriore destra, in corrispondenza del sedile della ragazza. Sul posto sono intervenuti i carabinieri, che oltre ai rilievi hanno sottoposto all'esame alcolemico il responsabile dell'incidente. Il trentacinquenne di Correzzola è risultato ben oltre il limite: aveva 1,8 grammi di alcol per litro di sangue, più di tre volte sopra la soglia di 0,5. Oltre alla multa e alla sospensione della patente, sono scattate anche la denuncia per guida in stato di ebbrezza e la confisca del mezzo.
ALESSANDRO CESARATO
-

IL GAZZETTINO di Padova - Giovedì 25 Agosto 2011,
PONTELONGO - Task force per eliminare l'amianto
.
Il Comune schiera una task force per eliminare tutto l'amianto presente sul territorio. In collaborazione con il Bacino Padova 4 e la società Padova 3, infatti, sono stati predisposti una serie di strumenti utili per i cittadini: un numero verde (300238389) per chiedere informazioni, un kit per la rimozione sicura del materiale, l'asporto gratuito e un contributo del 25 per cento sulle spese di smaltimento.
(Fe.Be.)
-

IL MATTINO di Padova - GIOVEDÌ, 25 AGOSTO 2011
Il pannello solare low cost piace - Un impianto su 4 preso tramite i gruppi d'acquisto
.
Un pannello solare su 4, nella Bassa padovana, è stato acquistato grazie al Gas, il Gruppo d'Acquisto Solare promosso da Padova 3 srl in collaborazione con Legambiente. Un risultato incoraggiante per l'esperienza partita un paio d'anni fa, che permette alle famiglie interessate ad installare pannelli solari sulla propria abitazione di riunirsi in gruppi d'acquisto per ottenere offerte a prezzi competitivi con condizioni di garanzia migliori di quelle abitualmente riservate ai clienti singoli. Sono 183 gli impianti installati finora per il progetto Energia Comune, con un totale di 530 kW di fotovoltaico per la produzione di energia elettrica e 200 metri quadri di solare termico per l'acqua calda sanitaria. Impianti che permetteranno una riduzione di emissioni di CO2 in atmosfera per oltre 11.000 tonnellate. Ben 140 dei 660 impianti fotovoltaici domestici entrati in esercizio da giugno 2010 ad oggi su tetti di residenti nei nostri 58 comuni, sono stati realizzati grazie ai Gas sottolinea Federico Gianesello di Legambiente. Un'incidenza che sale al 25% considerando la percentuale di potenza dovuta ai G.A.S. In totale gli impianti acquistati grazie al gruppo sono costati 516.000 euro in meno. Il tempo di ammortamento di un impianto medio scende a 8 anni e il risparmio annuo sulle bollette elettriche e del metano per le famiglie arriva a 770 euro, mentre il guadagno medio dovuto agli incentivi del Conto Energia del fotovoltaico nei vent'anni sarà di oltre 20.000 euro. Questi dati ci rincuorano rispetto allo sforzo compiuto - commenta Stefano Chinaglia, presidente del Bacino Padova 4 - Attraverso la rete degli Sportelli Energia abbiamo fornito un servizio di consulenza gratuito ai cittadini, con oltre 1.820 utenti registrati. Ora è partito un nuovo gruppo d'acquisto rivolto a tutti i cittadini dei 58 comuni dei bacini Padova 3 e Padova 4. E' possibile aderire entro il 30 settembre. Si avrà un preventivo gratuito. Per informazioni rivolgersi agli sportelli energia a Este, Piove di Sacco, Conselve e Monselice, contattare il numero verde 800 238 389 o consultare www.energiacomune.org/padovatre. (f.se.)
-

IL GAZZETTINO di Padova - Mercoledì 24 Agosto 2011,
PONTELONGO Si rimette in moto il maxi zuccherificio
.
Turbine e bollitori sono rientrati in funzione: è stata ufficialmente avviata la campagna saccarifera 2011 dello zuccherificio di Pontelongo, il secondo più grande del Nord Est dopo quello emiliano di Minerbio. Una campagna che si preannuncia particolarmente proficua. Secondo le previsioni fornite dalla Coprob, la cooperativa che gestisce lo stabilimento locale, da qui a ottobre saranno conferiti 1,7 milioni di tonnellate di bietole, provenienti da un seminativo di circa 26.500 ettari. La materia prima arriverà dalle campagne della zona ma anche dalla Lombardia e dal Friuli, per un totale di circa 3500 bieticoltori conferenti. Rispetto all'anno scorso - fa sapere Marco Marani, direttore agricolo di Coprob - stimiamo una diminuzione di circa l'11 per cento del quantitativo di bietole conferite. Riduzione che sarà compensata dalla migliore qualità delle bietole stesse, che si presentano sufficientemente idratate e di migliore qualità rispetto all'anno scorso.
(Fe.Be.)
-
IL GAZZETTINO di Padova - Mercoledì 24 Agosto 2011,
FRONTE DEL NO Lo sfogo del sindaco di Codevigo: la Saccisica "alla frutta" - Il federalismo ci ha rovinato
.
È un grido d'allarme preoccupante quello lanciato dal sindaco Graziano Bacco, primo cittadino di Codevigo, che in sintesi accusa: Le prime conseguenze concrete del federalismo ci stanno rovinando. Una denuncia ancora più forte e inaspettata in quanto arriva per voce di un sindaco del Pdl, "alleato" in giunta con la Lega Nord ed eletto anche grazie ai voti del partito del Carroccio. Dai primi decreti attuativi si evince che, nel caso della Saccisica, mancheranno alle casse comunali circa un milione e 500 mila euro; oltre l'11 per cento dei trasferimenti del 2010, riassume il primo cittadino. Che, calcolatrice alla mano, si è preso la briga di fare i conti in tasca ai Comuni della zona per capire quali siano le prospettive sulla base dei parametri definitivi comunicati agli enti locali. Si inizia con Arzergrande dove, nel passaggio dal 2010 al 2011, i trasferimenti subiranno una diminuzione di circa 53 mila euro. A Brugine la perdita sarà ancora più consistente, con 180 mila euro in meno di contributi statali nelle casse comunali. Sulla falsa riga Codevigo e Correzzola, che quest'anno riceveranno rispettivamente 196 mila e 164 mila euro in meno rispetto al 2010. Legnaro dovrà fare i conti con una diminuzione delle risorse pari a circa 63 mila euro. Mentre un po' meglio andrà a Polverara e a Pontelongo, che si vedranno decurtare rispettivamente 36.747 euro e 18.822. Ma la vera batosta la subiranno i comuni di Piove di Sacco e di Sant'Angelo di Piove. Il capoluogo della Saccisica dovrà fare i conti con 604.599 euro in meno e il comune del sindaco Romano Boischio con una contrazione dei trasferimenti di 221 mila euro. L'unico comune che trae vantaggio dalla manovra è Bovolenta, con l'8,79 per cento di risorse in più rispetto all'anno scorso - considera Bacco -. Di sicuro una bella boccata d'ossigeno per un territorio colpito dall'alluvione. Ma per gli altri enti i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Il sito del Ministero sta snocciolando dati che raggelano il sangue ai sindaci, agli amministratori e alle ragionerie comunali. Eppure ai Comuni virtuosi il federalismo era stato venduto come un toccasana per i propri bilanci, sembrava addirittura che dovessero arrivare più fondi, visto che la manovra di rimescolamento di tasse, balzelli e quant'altro avrebbe dovuto penalizzare i Comuni più spendaccioni e premiare gli altri. Fumo negli occhi, secondo Bacco. E i grattacapi, ancora una volta, spetteranno agli amministratori locali che saranno costretti a tagliare servizi alla cittadinanza. Con entrate rappresentate solo da Ici e addizionale Irpef con aliquote bloccate al 2007 - conclude il sindaco - sarà un bel problema chiudere i bilanci 2011, visto che non rimane più nulla da tagliare, che la spesa per l'assistenza continua a crescere anche a seguito della crisi economica e che il patrimonio dei Comuni, immobiliare ed infrastrutturale, ha continuamente bisogno di manutenzioni per non andare nel degrado completo.
(Fe.Be.)
-
IL MATTINO di Padova - MARTEDÌ, 23 AGOSTO 2011
L'assessore regionale Conte sulle richieste di ricerca di idrocarburi - Niente trivellazioni nella Bassa.
.
Un secco no alle trivellazioni. A scandirlo è l'assessore regionale all'Ambiente, Maurizio Conte, che si scaglia contro le istanze per la ricerca di idrocarburi presentate dalla multinazionale statunitense Aleanna Resources. Non è pensabile che possano essere avviate operazioni di trivellazione per la ricerca di idrocarburi - dichiara Conte - E anche se le valutazioni riguardo all'impatto ambientale dovessero essere in qualche modo favorevoli, ragioni di opportunità oltre che di prudenza le sconsigliano comunque. Sappiamo tutti che gas e petrolio sono necessari alla nostra economia, ma è anche indispensabile che sia prima garantita la sicurezza del nostro territorio. Va evitato qualsiasi rischio per il Veneto e la Bassa Padovana. Conte assicura che gli organi tecnici della Regione, chiamati a pronunciarsi sul progetto preliminare della società Aleanna Resources, non si limiteranno a considerare l'impatto delle attività di ricerca ma terranno conto soprattutto del problema ben più grave delle potenziali estrazioni e delle possibili conseguenze.
(f.se.)
-
IL MATTINO di Padova - LUNEDÌ, 22 AGOSTO 2011
Attese sbagliate al semaforo
.
PONTELONGO. Sembrano non avere termine le polemiche sul semaforo sulla Sr 516, all'incrocio tra via Nova e via Villa del Bosco. A rincarare la dose è ancora la minoranza consigliare, che già da mesi solleva il problema dei temporizzatori che, a suo parere, hanno peggiorato la scorrevolezza del flusso veicolare nell'incrocio. In particolare, lo scollegamento dei sensori non permette più di far scattare il verde solo quando vi è effettivamente un veicolo in attesa, ma fissa dei tempi rigidi per tutte le direzioni, che mal si coniugano con le diverse necessità di scorrimento del traffico in quel punto. Quando nei giorni scorsi ci siamo accorti che i display dei temporizzatori erano staccati - spiega il capogruppo di minoranza Federico Ossari - abbiamo pensato che finalmente fosse prevalso il buon senso, a tutto vantaggio dei cittadini e degli automobilisti. In realtà le cose non sono come appaiono. Manca la cosa più importante: la riattivazione dei sensori. Quindi i tempi di attesa nei vari punti dell'incrocio sono gli stessi di prima!. Con un'aggravante in più. Prima - continua Ossari - un automobilista, sapendo quanto era il suo tempo di attesa, poteva anche decidere di spegnere il motore. Oggi, non sapendolo più, lo terrà comunque acceso. Quindi la situazione è peggiore della precedente. A questo si deve anche aggiungere da qualche settimana l'aumento del traffico che transita per l'incrocio a seguito dei lavori sulla nuova rotonda. A ridimensionare le affermazioni di Ossari interviene l'assessore ai Lavori pubblici Roberta Bruscaglin: I sensori - controbatte l'amministratrice comunale - sono stati riattivati per un periodo provvisorio, fino al termine dei lavori della rotonda, previsti per la fine di novembre. Per la conferma basta recarsi all'ufficio della polizia municipale a cui spetta il compito di prendere accordi con le autorità preposte per la regolazione dei punti semaforici.
(al.ces.)
-

IL MATTINO di Padova - SABATO, 20 AGOSTO 2011
Pontelongo. Recuperati e analizzati i sacchetti segnalati dal Mattino. A breve partiranno controlli costanti - Multa per aver abbandonato rifiuti sull'argine.
.
PONTELONGO. E' stato identificato e multato il proprietario dei sacchi pieni di rifiuti abbandonati lungo l'argine sinistro del Bacchiglione, in località Terranova. A seguito della segnalazione apparsa nelle pagine del quotidiano il Mattino di Padova - spiega il vice sindaco Enzo Battisti - si è provveduto al recupero dei sacchi neri di immondizie presenti nei pressi del ponte di Terranova. Verificandone il contenuto siamo riusciti a risalire al proprietario dei rifiuti abbandonati. Si tratta di un uomo residente a Piove di Sacco, al quale è stata immediatamente contestata la violazione delle norme sullo smaltimento dei rifiuti, che è sanzionata con una multa di 103,30 euro. Questo indipendentemente da chi materialmente abbia portato lì l'immondizia. Una cattiva abitudine, quella di abbandonare i rifiuti sugli argini che, fa notare Battisti, purtroppo non è così rara. Questa - commenta - è la quarta sanzione contestata negli ultimi mesi per abbandono di immondizie nel nostro territorio. Con periodicità gli operatori comunali, coadiuvati dal personale della società PadovaTre, passano a raccogliere quanto viene abbandonato, ma questo non sembra essere sufficiente. Ecco perché il vicesindaco annuncia una nuova iniziativa per andare a contrastare il fenomeno. A breve - anticipa Battisti - sarà stipulato un accordo con un'associazione che si occuperà di prevenzione del degrado ambientale. Avrà il compito di segnalare alle autorità competenti i reati contro l'ambiente e di raccogliere le segnalazioni dei cittadini su eventuali rifiuti abbandonati nei loro fondi e lungo i fossi che ricadono nelle loro proprietà. L'associazione - conclude - effettuerà il servizio di controllo con apposite squadre: si occuperà di ispezionare principalmente le aree golenali e quelle connesse (scarpate interne dell'argine, rampe di accesso alle golene, sommità arginale), per segnalare alla polizia locale situazioni di degrado da abbandono di rifiuti, accensione di fuochi, infrazioni alla rete viabile non aperta al transito di veicoli, situazioni di pericolo o disagio da parte degli utenti ed atti vandalici. In questo modo avremo un controllo migliore e più costante del territorio.
(al.ces.)
-

IL MATTINO di Padova - VENERDÌ, 12 AGOSTO 2011
Argine invaso dai rifiuti abbandonati
.
PONTELONGO. Ennesimo abbandono di rifiuti lungo gli argini del Bacchiglione: un caso eclatante per la quantità riversata sulla sponda sinistra del canale, in direzione di Correzzola. In località Terranova buttati sei sacchi neri pieni di rifiuti, contornati da immondizia varia.
(e.l.)
-

IL MATTINO di Padova - GIOVEDÌ, 11 AGOSTO 2011
Al via a Pontelongo la campagna saccarifera - Sono attese meno barbabietole rispetto al 2010, ma di migliore qualità
.
PONTELONGO. Le prime barbabietole arrivate in questi giorni nello stabilimento di via Zuccherificio, hanno dato il via alla campagna saccarifera 2011. Per la Co.Pro.B. proprietaria anche dell'impianto di Minerbio si tratta di una stagione molto importante perché, a seguito della prossima fusione per incorporazione di Italia Zuccheri (che attualmente detiene la proprietà dello stabilimento di Pontelongo), si tratta della prima campagna congiunta dei due stabilimenti. Le prospettive della raccolta di bietole, nel complesso, sono buone, con un quantitativo stimato di 1,7 milioni di tonnellate, provenienti da un seminativo di oltre 26 mila ettari. I conferenti saranno circa 3.500, con i 2.504 associati alla cooperativa che apportano l'83% degli ettari totali di seminativo. Rispetto alla campagna precedente, è attesa una diminuzione di circa l'11% delle bietole conferite, compensata però dalla migliore qualità del prodotto. Si tratta di una campagna promettente - sostiene il direttore agricolo Marco Marani - con bietole sufficientemente idratate e apparato fogliare sano, di qualità migliore rispetto allo stesso periodo della campagna precedente. Il peso delle barbabietole si dimostra buono e le ottime polarizzazioni fanno prevedere di raggiungere una produzione di saccarosio per ettaro molto soddisfacente. Nel corso dell'anno - dichiara invece il direttore generale Stefano Montanari - sono stati realizzati investimenti per 23 milioni di euro, nove dei quali milioni destinati allo stabilimento di Pontelongo per migliorare la produttività e l'efficienza dell'impianto e poter dare maggiore soddisfazione ai soci della cooperativa. Il presidente Claudio Gallerani, infine, sottolinea che la contrazione del quantitativo di bietole è dovuto al ritardo dell'erogazione degli aiuti da parte del governo e all'elevato prezzo dei cereali diventati molto competitivi. Continueremo nella nostra convinta azione per sbloccare gli aiuti 2009-10 dovuti all'intero settore e non ancora pervenuti.
ALESSANDRO CESARATO
-

IL GAZZETTINO di Padova - Mercoledì 10 Agosto 2011,
In un anno recuperate 25 tonnellate di olio alimentare esausto - Raccolta che fa bene all'ambiente
.
Venticinque tonnellate di oli vegetali. È questo il risultato raggiunto dalla raccolta dei liquidi oleosi organizzata dai bacini Padova3 e 4 nel corso di un anno. Il livello raggiunto è stato reso possibile dal nuovo servizio proposto dai due enti di gestione della raccolta dei rifiuti. Gli oli possono essere conservati infatti in bottiglie ad uso alimentare oppure è possibile richiedere una tanichetta apposita da 5 litri. Una volta riempito il contenitore è sufficiente chiamare il numero verde 800238389 per prenotare la rimozione, che avviene con il porta a porta. Ma è possibile pure conferire il materiale nell'ecocentro del Comune di residenza. L'olio alimentare usato, come i residui di frittura e quello contenuto nei vasetti di sottolii e nelle scatolette del tonno - spiega Simone Borile, presidente del Padova 3 - viene spesso versato nei lavandini, provocando l'intasamento degli scarichi e l'inquinamento delle acque e dell'ambiente. Lo strato oleoso che arriva negli specchi d'acqua e lungo i fiumi impedisce alle piante l'assunzione delle sostanze nutritive e la corretta ossigenazione dell'habitat. Per questo - continua Borile - abbiamo attivato il servizio di raccolta, recuperando 25 tonnellate di olio in un solo anno. La raccolta specifica di questo tipo di rifiuto consente di eliminare una causa di inquinamento - gli fa eco Stefano Chinaglia, presidente del bacino Padova 4 - ma anche di recuperare anche un prodotto riciclabile, perché l'olio alimentare usato può essere riutilizzato per la produzione di biodiesel ed altre sostanze utili. Da un chilo di olio vegetale usato si ricavano otto etti di base lubrificante, con un risparmio energetico non trascurabile. Il prodotto trasformato può essere riutilizzato come base per l'olio lubrificante minerale e per usi industriali. Ogni anno in Italia vengono riversate negli impianti fognari circa 200 mila tonnellate di olio vegetale esausto proveniente dalle utenze domestiche. Il consumo medio pro capite è di circa 25 kg annui di cui 5 vengono reimmessi nell'ambiente.
-

IL MATTINO di Padova - MARTEDÌ, 09 AGOSTO 2011
RACCOLTA ZUCCHERO - Meno prodotto, maggiore qualità
.
La cooperativa Coprob (produzione di zucchero) ha iniziato la campagna bieticola-saccarifera il 4 agosto a Pontelongo. Per Coprob è una stagione molto importante, perchè per la prossima fusione per incorporazione di Italia Zuccheri nella coop, è la prima campagna congiunta dei due stabilimenti. Le prospettive della raccolta di bietole sono buone, con un quantitativo stimato di 1,7 milioni di tonnellate, da 26.500 ettari seminati. I conferenti saranno circa 3.500 (2.504 associati alla coop). Nel primo trimestre 2011 sono stati superato i 5.000 soci. Coprob stima una diminuzione dell'11% di bietole conferite, che sarà compensata dalla migliore qualità delle barbabietole, ha spiegato il direttore agricolo. Il dg Stefano Montanari ha spiegato che la coop ha realizzato nel 2011 investimenti per 23 milioni di euro, di cui 9 per Pontelongo.
-

IL MATTINO di Padova - Domenica, 07 AGOSTO 2011
PONTELONGO - TREBBIATURA
.
Oggi sesta edizione della Festa in Isola che si tiene in località El ponte della Paltana, in via Villa del Bosco. Il gruppo che organizza la manifestazione si prefigge lo scopo di divulgare la passione e la conoscenza delle macchine e delle attrezzature d'epoca utilizzate in agricoltura. A partire dalle 9 e per tutto il giorno, esposizione di trattori e macchine agricole d'epoca, esibizioni dei modelli dei trattori radiocomandati, trebbiatura e sgranatura.
(al.ces.)
-

IL MATTINO di Padova - SABATO, 06 AGOSTO 2011
PONTELONGO Il Comune davanti al Tar contro il Comitato
.
PONTELONGO. L'amministrazione comunale di Pontelongo decide di costituirsi in giudizio davanti al Tar del Veneto e destina quasi 10 mila euro dell'avanzo di bilancio alle spese legali. La causa è stata avanzata dal comitato Vivere Pontelongo, che si è opposto alle varianti al piano degli interventi e agli accordi stretti con i privati in merito alla realizzazione della viabilità di complemento ai lavori della rotonda sulla strada regionale 516. La decisone del comitato - commenta il sindaco Fiorella Canova - rappresenta un atteggiamento autolesionistico, in quanto nella deprecata ipotesi di un accoglimento del ricorso presentato sarebbero proprio i cittadini del quartiere del Volo e di via San Giovanni Battista ad essere penalizzati dalla mancata realizzazione dei lavori, che nel frattempo sono iniziati. La decisione di costituirsi in giudizio è figlia di una forte convinzione della legittimità delle decisioni assunte. Il progetto nel suo complesso assicurare una maggiore sicurezza del traffico e una migliore qualità della vita proprio nei quartieri dove vivono i ricorrenti. Speriamo che la magistratura condanni i ricorrenti a rifondere alla comunità di Pontelongo le spese di giudizio.
ALESSANDRO CESARATO
-

 

IL MATTINO di Padova - VENERDÌ, 05 AGOSTO 2011
PONTELONGO Nuovo sito degli alpini
.
PONTELONGO. I tempi cambiano e anche gli alpini del Gruppo di Pontelongo e Correzzola si aggiornano. E' nato, infatti, il nuovo sito della sezione (www.alpinipontelongo.it) che vuole essere la sede virtuale aperta al mondo per i soci e per chi vuole conoscere questo ambiente. In noi alpini - spiega il capogruppo Ivano Bizzo - c'e sempre stata la necessità di comunicare, di raccontare e dialogare. Ecco perché abbiamo deciso di affidarci ai grandi sistemi di comunicazione e siamo convinti che il nostro gruppo darà sicuramente il meglio per il successo dell'operazione.
(al.ces.)
-
IL MATTINO di Padova - VENERDÌ, 05 AGOSTO 2011
PONTELONGO Oggi l'ultimo saluto a Dino Bregantin
.
PONTELONGO. Si celebreranno oggi alle 16 nella chiesa parrocchiale i funerali di Dino Bregantin, 61 anni, scomparso improvvisamente lunedì scorso. È stato colto da un improvviso malore mentre si trovava in patronato a Piove di Sacco dove stava giocando a pallavolo con un gruppo di amici. Bregantin era molto conosciuto in paese per il suo impegno nelle società sportive. Aveva ricoperto anche la carica di assessore allo sport tra il '92 e il '99. Lascia la moglie Antonella e i figli Lisa (studiosa di storia locale), Matteo (ex calciatore della Piovese) ed Elena. ?Dino ci è mancato all'improvviso - dice il sindaco Fiorella Canova -, senza un saluto e un abbraccio. Ci sentiamo tutti tristi, smarriti e increduli, ma sapremo fare tesoro dei suoi insegnamenti?.
(al. ces.)
-
IL GAZZETTINO di Padova - Venerdì 5 Agosto 2011,
Addio a Bregantin, una vita per lo sport - Pontelongo, l'ex assessore stroncato da un infarto mentre giocava a pallavolo
.
Lutto improvviso e inaspettato a Pontelongo. Lunedì sera, stroncato da un infarto che lo ha sorpreso al termine di una partita a pallavolo, è morto Dino Bregantin. Aveva 61 anni e alle spalle una vita tutta segnata dalla passione per lo sport. Negli anni '90 era stato assessore alle Attività sportive in paese ma l'impegno più grande lo aveva profuso come dirigente e allenatore di varie società sportive locali. E proprio mentre assecondava una delle sue maggiori passioni, la pallavolo, è sopraggiunta la morte. I famigliari mi hanno raccontato che, come ogni settimana, anche questo lunedì Dino era andato nel campo sportivo del patronato di Piove di Sacco per giocare a pallavolo con gli amici - dice il sindaco Fiorella Canova - Al termine di un set, quando il gruppo era in pausa, Dino è stato colto da un malore rivelatosi fatale. Inutili i tentativi di soccorrerlo da parte delle persone che erano con lui e dal personale del Suem 118. Per l'uomo non c'è stato nulla da fare. Era sanissimo e in forma, non aveva mai accusato alcun problema di salute - racconta ancora il sindaco - per questo quanto accaduto ha colto tutti di sorpresa. Ci sentiamo tutti smarriti e increduli ma, nello stesso tempo, siamo consapevoli della strada che dobbiamo percorrere per continuare l'impegno che Dino ha iniziato nella sua vita. I funerali si svolgeranno oggi pomeriggio, alle 16, nella parrocchiale del paese. Dino Bregantin lascia l'amata moglie Antonella, anche lei da sempre attiva nell'ambiente sportivo del Piovese, e i figli Elena, Matteo e Lisa, quest'ultima studiosa di storia molto stimata e apprezzata.
(Fe.Be.)
-
IL GAZZETTINO di Padova - Giovedì 4 Agosto 2011,
Rifiuti, i due consorzi scalano la top dei "ricicloni"

.

La bassa padovana può fregiarsi del titolo di "terra riciclona". I due consorzi di gestione della raccolta dei rifiuti risultano infatti ai primi posti della classifica nazionale per percentuale di pattume riciclato. Al gradino più alto c'è il consorzio trentino della val di Fiemme, che conta 27 mila abitanti e può vantare il 78,5 per cento di materiale riciclato. Seguono due enti trevigiani e poi è finalmente il turno del bacino Padova3. L'istituzione, che gestisce i rifiuti di 140 mila residenti dell'area est della bassa, ha raggiunto l'invidiabile quota del 75,7 per cento di riciclato. Il bacino Padova4, pur uscendo dalla top ten, si piazza undicesimo con un ottimo 70,7 per cento. I dati sono stati presentati ieri mattina, nel corso di una conferenza tenutasi nella sede atestina del bacino. Il risultato del Pd3 parte da lontano: nel 1998 la percentuale riciclata non raggiungeva neppure il 7 per cento. L'escalation, legata a una crescita culturale dal punto di vista della gestione dei rifiuti, ha superato il 50 per cento una decina di anni fa e non si è mai fermata. L'anno scorso la quota ha polverizzato la barriera del 70 per cento, difficile da oltrepassare. E i due enti della zona a sud del capoluogo provinciale hanno intenzione di crescere ancora. Continuano perciò i servizi gratuiti di raccolta degli oli alimentari, delle cartucce esaurite dei toner e degli indumenti usati. La novità introdotta l'anno passato, relativa alla raccolta dei vecchi televisori con l'ecomobile per i Comuni senza centri di raccolta, proseguirà anche nel 2011. Si tratta di un servizio diventato indispensabile dopo l'avvento del digitale terrestre, che ha rivoluzionato il parco televisori. Fra le news c'è pure la possibilità per associazioni e gruppi di acquistare posate e piatti recuperabili allo stesso prezzo di quelli di plastica. Con la differenza che i compostabili non finiscono nel secco. Per quanto riguarda infine le tariffe, i costi per utente rimangono i più bassi del Veneto.
(F.G.)
-

IL GAZZETTINO di Padova - Martedì 2 Agosto 2011,
Pontelongo, bat box in biblioteca.

.

Ha riscosso un successo inaspettato l'idea dell'amministrazione comunale di provare a contrastare il proliferare delle zanzare tigre tramite l'istallazione sul territorio di decine di "bat box", delle speciali casette in grado di attirare i pipistrelli che svolazzano nelle campagne e che si nutrono proprio dei fastidiosi insetti. Tanti cittadini hanno chiesto al Comune come fare per avere una "bat box" personale, da sistamere nel giardino di casa ed eliminare il problema delle zanzare. Raccolte le richieste dei cittadini, l'amminsitrazione comunale ha provveduto ad acquistare uno stock di casette, che ora chiunque può acquistare in biblioteca al prezzo di circa venticinque euro.
(Fe.Be.)
-

IL MATTINO di Padova - LUNEDÌ, 01 AGOSTO 2011
Passeggiate per Sanavia e Boschiero
.
PADOVA. E' stato un intenso week-end di pugni dove i nostri due pugili professionisti più accreditati, l'ex campione del mondo Cristian Sanavia e il campione d'Italia Devis Boschiero, hanno onorato il pronostico che li voleva vincenti. Il primo sul croato Tatari, il secondo sull'ungherese Lakatos. Due avversari francamente non irresistibili. A macchiare la kermesse, che ha visto sul ring oltre ai pro Sanavia e Boschiero anche una ventina di ragazzi della Padova ring e della Boxe Piovese e di altre società, è stata la notizia dell'arresto per concorso in rapina di Davide Festosi, 19 anni, dilettante della scuderia di Max Sarti. L'azzurro nella riunione di venerdì sera a Padovaland, imperniata su Sanavia-Tatari, avrebbe dovuto incontrare il peso leggero Paul Costantin Cocolos.
SANAVIA. La facile vittoria ai punti contro Tatari non soddisfa il trentaseienne pugile di Pontelongo che in autunno dovrebbe incontrare a Padova il campione del mondo Wbc Silver dei supermedi, Noè Gonzalez. Il match di venerdì è stato poco più che un allenamento - commenta Sanavia -. Avrei potuto metterlo giù nelle prime due riprese ma ho preferito arrivare alla fine per testare le mie condizioni fisiche. La sfida con Gonzalez sarà tutta un'altra cosa. A 36 anni è una delle ultime chance che la carriera mi offre. Vorrei finire in bellezza: battere questo uruguaiano e andarmi a riprendere la cintura iridata, quella vera, in qualsiasi posto del mondo. Nella serata di venerdì al parco acquatico di Padovaland, che ha registrato oltre 500 spettatori, tra i dilettanti si è messo in luce Tommaso Chiapperino che ha battuto il portacolori della Boxe Chieri, Simone Drazza. Lo youth del maestro Sarti è stato anche scelto come miglior pugile della riunione.
BOSCHIERO. Il campione d'Italia dei superpiuma sabato sera in piazza a Piove di Sacco, di fronte ad un miglio di persone, si è sbarazzato dell'ungherese Lakatos (40 incontri: 10 vittorie, 29 sconfitte, 1 pari) per ko alla quarta ripresa. Prima di finire al tappeto il magiaro era stato sull'orlo di crollare anche al secondo round. Anche per Boschiero, che dopo l'estate dovrà affrontare la difficile trasferta in Giappone per tentare di strappare la cintura di campione del mondo al nipponico Aho Takairo, vale lo stesso discorso fatto per Sanavia. E' stato un collaudo vero quello contro Lakatos? L'ungherese non era male, solo che ha dovuto fare i conti col mio diretto destro che entrava nella sua guardia con facilità, potevo concludere alla seconda ripresa. Dopo il 15 agosto tornerò in palestra, voglio andare in Giappone a giocarmi la carriera.
-


link paese dello Zucchero paese dello Zucchero
Eventi e Appuntamenti
<< novembre 2017 >>
L M M G V S D
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
             
 
 
Servizi interattivi
modulistica
contatti
mappa del sito
sms

 indirizzo: via Roma, 271 - 35029 Pontelongo (Pd)  telefono: 049/9775265  fax: 049/9775565  e-mail: segreteria@comune.pontelongo.pd.it  posta elettronica certificata: comunepontelongo.pd@legalmailpa.it  p.iva: 01833500281  cod.fiscale: 80009850282


Questo sito internet è valido html 4.01 strict, clicca per accedere al validatore html 4.01, il sito verrà aperto in una nuova finestra   Questo sito internet è valido CSS 2.0, clicca per accedere al validatore css, il sito verrà aperto in una nuova finestra   sito internet validato wcag wai a  Questo sito internet è multibrowser   accessibilità  |  access key  |  mappa del sito  |  privacy 
scegli la modalità
Visualizza il testo con caratteri normali  Visualizza il testo con caratteri grandi  Visualizza il testo con contrasto elevato  Visualizza i contenuti senza la presenza della struttura grafica Rete civica realizzata da Progetti di Impresa Srl © 2010

utenti connessi utenti connessi: 21    utente sei il visitatore n°2616304 dal 1° gennaio 2010