Benvenuto nella Rete Civica del Comune di PONTELONGO (PD) - clicca per andare alla home page

 indirizzo: via Roma, 271 - 35029 Pontelongo (Pd)  telefono: 049/9775265  fax: 049/9775565  e-mail: segreteria@comune.pontelongo.pd.it  posta elettronica certificata: comunepontelongo.pd@legalmailpa.it  p.iva: 01833500281  cod.fiscale: 80009850282
 Codice fatturazione elettronica: UFGV7W

cerca nel sito
motore di ricerca
HOME » Dai giornali locali | 2011 | Marzo 2011

clicca per stampare il contenuto di questa paginastampa

scritto da Amministratore   02/12/2011

Marzo 2011

.

 

IL GAZZETTINO di Padova - Mercoledì 30 Marzo 2011,
Ecco i piani dei "generali" dell'Usl. A Piove di Sacco un centro di eccellenza materno-infantile. Gestione più snella delle liste d'attesa
.
Appropriatezza dellle visite specialistiche ambulatoriali, contenimento dei ricoveri, rispetto dei tempi di attesa, maggiore efficienza assistenziale grazie ad una nuova organizzazione capace di dare i suoi frutti a medio e lungo termine. L'Ulss 16 di Padova con il suo quartier generale - il direttore Fortunato Rao, i dirigenti sanitario Daniele Donato e dei servizi sociali Francesco Costantin - hanno incontrato ieri pomeriggio primari e operatori della grande Azienda sanitaria, la maggiore del Veneto con un bacino d'utenza di 490 mila abitanti: l'incontro è avvenuto all'ospedale di Piove di Sacco a testimoniare come la Saccisica sia tassello prezioso nell'articolato puzzle dell'assistenza. Illustrati i piani di sviluppo 2011 coerenti con gli obiettivi regionali: recuperati 7 milioni di euro da investire nel sociale, la sanità d'ora innanzi s'ispirerà al modello aeroportuale. Prende piede infatti l'organizzazione Hub and Spoke (termine mutuato dalla ruota della bicicletta: hub mozzo, spoke raggio), ovvero per intensività di cure: un centro altamente specialistico (aeroporto internazionale) e una serie di poli sanitari satellite (scali secondari) di media complessità. Questa la filosofia ispiratrice della nuova pianificazione, sottoscritta da Rao insieme ad Adriano Cestrone, direttore generale dell'Azienda ospedaliera e benedetta dalla Regione. Ecco il programma di integrazione tra i due enti sanitari. Il polo di via Giustiniani consolida il suo ruolo di hub ovvero ospedale di alta specializzazione, fortemente tecnologico, organizzato per la gestione della patologia acuta concentrando nelle sue sale operatorie gli interventi di più elevata complessità, i trattamenti per ictus, infarto, il filone trapiantologico. All'Ulss 16 (spoke) spetta dare attuazione, attraverso gli ospedali Sant'Antonio di Padova e Immacolata Concezione della Saccisica, il centro socio-sanitario ai Colli e i servizi territoriali, alle cure di primarie, di base e alle prestazioni ambulatoriali. L'accordo prevede la ridistribuzione dei posti letto dell'area medica, la revisione del comparto chirurgico con la concetrazione delle specialità di chirurgia di giorno (day surgery) e chirurgia su cinque giorni (week surgery) in capo allo spoke. C'è la volontà comune di superare le criticità interenti il percorso nascita creando a Piove un centro di eccellenza materno-infantile. Prevista la riograzionizzazione del Centro unico di prenotazione per una gestione più snella delle liste d'attesa. Domani infine scade la convenzione con l'Ulss di Chioggia per la gestione del distretto n. 6, che da aprile s'organizzerà in autonomia.
-

IL GAZZETTINO di Padova - Domenica 27 Marzo 2011,
Pontelongo Un kit di semi agli scolari
.
Qualche giorno fa gli alunni delle scuole elementari e medie di Pontelongo hanno ricevuto un regalo speciale: una scatola contenente un intero giardino, Il giardino degli insetti utili, per la precisione, ovvero un kit di semini che, se piantati su vasi posti sul balcone o sul davanzale di casa, daranno vita a rigorose pianticelle in grado di attirare, con il loro nettare, farfalle, coccinelle e altri insetti utili per difendere la biodiversità anche in un conteso urbano. Con questo originale regalo, l'amministrazione comunale ha voluto onorare la tradizionale Festa dell'albero, istituita a livello nazionale già nel 1898 e richiamata, poi, da una legge forestale del 1923 allo scopo di infondere nei giovani il rispetto e l'amore per la natura, oltre alla difesa degli alberi. Con il kit Il giardino degli insetti utili i bambini, aiutati dai genitori, potranno divertirsi sviluppando la sensibilità per la natura. Una scatola è stata consegnata anche ad ogni classe, per permettere che l'esperimento venga effettuato anche a scuola.
(Fe.Be.)
-
IL MATTINO di Padova - Sabato, 26 MARZO 2011
Rubavano pezzi di rame dalle fioriere.

.
MONSELICE. Avevano già battuto via Rovigana e si erano diretti verso piazza Mazzini: le tracce del loro passaggio sono ancora ben visibili nelle fioriere, scarnificate togliendo l'anello ornamentale di rame. I carabinieri di Monselice hanno arrestato ieri notte Giovanni Filippo Nalin, trentacinquenne di Codevigo, e Maurizio Borella, 41 anni, di Pontelongo, entrambi con precedenti specifici. Avevano già messo nel sacco circa 10 chili di rame. Ad accorgersi di loro, ieri notte, gli avventori del bar Zelig. Li hanno visti mentre armeggiavano con aria sospetta intorno alle due fioriere situate all'ingresso dell'ospedale ed hanno allertato il 112. La Centrale Operativa della Compagnia Carabinieri di Abano ha subito attivato i militari della Stazione di Monselice, che già si trovavano in zona. I carabinieri hanno trovati i ladri in piazza Mazzini. Con aria di finta noncuranza, se ne stavano appoggiati alla fioriera presente in piazza, con uno scatolone in mano. Vedendo che i militari si avvicinavano, i due hanno cercato di scappare ma sono stati bloccati. I carabinieri hanno sequestrato loro due grossi cacciaviti e lo scatolone che conteneva due barre di rame appena rubate. Altre tre barre sono state trovate, assieme agli arnesi da scasso, all'interno della loro macchina. Il maltolto è stato restituito al Comune, mentre i due sono finiti in manette per il reato di furto aggravato in concorso. Posti a disposizione dell'Autorità Giudiziaria di Padova, ieri sono stati processati per direttissima: Nalin è stato condannato a 5 mesi di reclusione e 140 euro di multa, Borella 4 mesi e al pagamento di 120 euro.
(f.se.)
-

IL GAZZETTINO di Padova - Sabato 26 Marzo 2011,
Sanità-cerniera i timori di Piove. Affollato incontro con l'assessore regionale Coletto Il bilancio di un anno e mezzo sotto l'Usl 16.
.
Non vogliamo nulla di ciò che spetta a Padova ma, allo stesso tempo, pretendiamo che i nostri servizi rimangano a Piove di Sacco?. Il sindaco Alessandro Marcolin lo ha detto chiaramente, l'altra sera, al direttore generale dell'Uls 16, Fortunato Rao, all'assessore regionale alla Sanità, Luca Coletto, e al consigliere regionale Antonino Pipitone. L'occasione è stata l'incontro, partecipatissimo, promosso dal comitato per la sanità della Saccisica a quindici mesi dal passaggio del polo sanitario piovese entro il perimetro dell'Usl padovana. Il dibattito ha portato alla luce i vari problemi che interessano la sanità locale da quando si è staccata da Chioggia per confluire con Padova: dalla riduzione dei giorni deputati alle visite per il rinnovo della patente e per il riconoscimento dell'invalidità civile al depauperamento dei servizi territoriali per i malati psichiatrici e per le persone con problemi di alcol e droga, dalla mancanza di personale medico e infermieristico fino all'assenza di un direttore amministrativo. La prospettiva di diventare ancillari, subalterni rispetto a Padova, ci preoccupa molto - ha aggiunto Marcolin - Vogliamo che la quota capitaria di 1.600 euro, versata per ogni abitante della Saccisica, che nel totale costituisce una somma di 107 milioni di euro, rimanga qui, a Piove di Sacco, e venga utilizzata per migliorare i servizi e ripristinare quelli indeboliti. Qualche rassicurazione è arrivata dall'assessore Coletto, che ha garantito che l'ospedale di Piove di Sacco rimarrà un polo cerniera, inserito nella rete sanitaria dell'Usl 16, e dal direttore generale Rao, che ha elencato il cospicuo piano di investimenti, di oltre venti milioni di euro, previsto per l'Immacolata Concezione. Sono comunque molto soddisfatto - ha fatto sapere Marcolin al termine dell'incontro - perché il tema della sanità sta superando ogni diversità politica e sono certo che con tutti gli amministratori della zona, indipendente dall'appartenenza a questo o a quel partito, faremo sentire la nostra voce per ottenere ciò che spetta ai nostri concittadini.
Federica Bertaggia
-
Il Corriere del Veneto - Venerdì, 25 marzo 2011
Svelato il dossier degli esperti. Pronto il piano delle grandi opere. La sicurezza idrogeologica del Veneto costerebbe 2,5 miliardi di euro. Interventi in tutte le province. Stival: Serve l'aiuto dello Stato

.
VENEZIA - Si compone di due parti il Piano di interventi per la mitigazione del rischio idrogeologico in elaborazione da parte dei tecnici della Regione insieme al team di docenti universitari guidati dal professor Luigi D'Alpaos, dell'Ateneo padovano. I contenuti di massima della scaletta delle opere da realizzare sono già stati inviati ai Comuni, che hanno inviato le loro osservazioni. Nel frattempo la bozza presentata contempla una prima sezione di Interventi finanziati da avviare nel 2010/2011 e del valore di 69.909.100 euro e una seconda parte di Interventi da finanziare avviabili nel 2011, il cui cuore comporta una spesa iniziale di 100.458.000 di euro. Nel capitolo 1 spiccano: il primo stralcio della messa in sicurezza idraulica nel bacino Agno-Guà con la laminazione delle piene attraverso l'utilizzo del bacino Trissino, ad Arzignano e Trissino (20 milioni); il primo stralcio della realizzazione di una cassa di espansione sul torrente Timonchio, a Caldogno (16 milioni); la messa in sicurezza idraulica del sistema Chiampo-Aldegà, a San Bonifacio (7 milioni); il progetto per la sistemazione idraulica dell'area metropolitana di Vicenza, che prevede il primo stralcio della manutenzione del fiume Retrone (3.309.100); il progetto preliminare di ampliamento e regimazione della cassa di espansione di Pra' dei Gai per la laminazione delle piene del Livenza alla confluenza con il Meduna, con interventi di diaframmatura dell'argine sinistro del Livenza a Portobuffolè (Treviso), per un importo di 2,8 milioni. Nella seconda sezione l'opera più costosa 18,5 milioni di euro riguarda lo scolmatore di piena Limenella Fossetta, per la difesa idraulica di Padova Nord. Nel Veronese sono invece previsti il rifacimento del ponte storico e la costruzione di un nuovo manufatto di attraversamento dell'Alpone, nel Comune di Arcole (2.570.000), l'adeguamento degli argini dell'Adige nei Comuni di Zevio, Verona, Dolcè e Rivoli, il completamento dei lavori di sistemazione idraulica dell'argine sinistro dello stesso fiume a Terrazzo, la sistemazione idraulica dell'alveo dell'Alpone a San Bonifacio, la medesima azione nel sottobacino del torrente Negrar nell'omonimo paese e a San Pietro Incariano e a Verona. Nel Vicentino da segnalare i lavori di manutenzione delle difese di sponda e delle arginature del fiume Guà, la sistemazione dei torrenti Restena e Arpega e opere sul bacino di laminazione di Montebello. Inseriti in scaletta anche operazioni nelle province di Rovigo, Treviso, Belluno e Venezia, che si possono leggere nel grafico qui sopra. Si tratta di un piano pluriennale spiega Daniele Stival, assessore regionale alla Protezione civile che richiede finanziamenti statali. Bisogna che una parte di tutti i soldi inviati dal Veneto a Roma ci tornino indietro. Con le nostre sole forze è improponibile affrontare un progetto del genere, anche se è ovvia la necessità per la Regione di inserire nei bilanci futuri fondi per fronteggiare il rischio idrogeologico. Insomma, ci vuole una compartecipazione Stato-Regione. Quanto all'operatività, bisognerà partire dagli interventi già finanziati o finanziati in parte. Li valuteranno il governatore Luca Zaia, commissario per l'emergenza alluvione, e gli uffici del Genio Civile, in coordinamento con l'assessore all'Ambiente Maurizio Conte e la Protezione civile. Noi chiude Stival daremo il nostro contributo, anche nella sorveglianza dei cantieri e dei macchinari. In attesa della presentazione ufficiale del piano, la giunta Zaia annuncia la partenza, entro la fine di aprile, delle opere di somma urgenza, ovvero il rifacimento degli argini danneggiati e la pulizia di fiumi e altri corsi d'acqua. Un'operazione da 80 milioni di euro già oggetto di ordinanza.
M.N.M.
-
IL MATTINO di Padova - MARTEDÌ, 22 MARZO 2011
Due milioni per il pronto soccorso - Proteste e disagi per gli utenti: Servono più medici in pianta organica
.
PIOVE DI SACCO. Due milioni di euro in arrivo per il pronto soccorso dell'ospedale Immacolata Concezione: lo stanziamento è stato deliberato dalla giunta regionale nei giorni scorsi nell'ambito della ripartizione di risorse fra le diverse aziende ospedaliere venete. La notizia è stata accolta con molta soddisfazione dal sindaco Sandro Marcolin: Il reparto emergenze del nostro ospedale - sottolinea il primo cittadino - è già da qualche mese interessato da un importante intervento di ristrutturazione e ampliamento. Queste nuove risorse vanno a rinforzare il piano finanziario e consentiranno ulteriori interventi migliorativi che avranno ripercussioni anche sulla qualità del servizio. Di recente il pronto soccorso piovese è finito ripetutamente nel mirino di diversi utenti che hanno lamentato attese infinite e condizioni di disagio. Per funzionare appieno, garantendo i turni di lavoro previsti, nonchè ferie e riposi per il personale, servirebbero una dozzina di medici - spiega il sindaco - attualmente ce ne sono dieci. Il problema è che di questi solo sei sono dipendenti dell'Usl mentre gli altri lavorano a ore con un altro tipo di contratto. E non sono inseriti in pianta stabile nell'organico. E non danno garanzia di continuità anche perché spesso ambiscono a spostarsi in altri reparti o addirittura strutture. Io spero che la situazione possa migliorare - l'auspicio di Marcolin - mi sembra che ultimamente ci siano molti tentennamenti nell'ambito della sanità. E' ora che chi deve prendere le decisioni lo faccia. Sulla questione il direttore generale dell'Usl 16 Fortunato Rao annuncia miglioramenti imminenti: Questo nuovo stanziamento regionale ci consente di completare il secondo stralcio di ristrutturazione del pronto soccorso. Fondamentale è la realizzazione del reparto di osservazione breve con una ventina di posti letto. Sarà una sorta di filtro tra il pronto soccorso e l'eventuale ricovero. Il problema del personale saltuario cerchiamo di risolverlo con la stabilizzazione dei medici - conclude Rao - in questi giorni stiamo approntando dei concorsi per nuove assunzioni.
ELENA LIVIERI
-
IL MATTINO di Padova - DOMENICA, 20 MARZO 2011
Semini donati agli alunni per la Festa dell'Albero
.
PONTELONGO. Domani tradizionale Festa dell'Albero in concomitanza con l'inizio della primavera. Per la ricorrenza l'amministrazione ha pensato di consegnare a ciascun alunno della scuole del paese dei semini di fiori, contenuti in una scatolina denominata Il giardino degli insetti utili. I semi, se piantati in vasi posti sul davanzale di casa, diventeranno fiori che con il loro nettare attireranno farfalle, coccinelle e altri insetti utili per difendere la biodiversità, anche in un contesto urbano. Con questi semini ognuno potrà osservare da vicino il modo affascinante in cui la natura cresce e si riproduce grazie agli insetti e all'impollinazione. L'operazione pensata dall'assessorato all'ambiente punta a coinvolgere anche i genitori che dovranno aiutare i figli nell'operazione della semina e della successiva manutenzione dei fiori. I semi appartengono a due categorie di fiori: il cosmos bipinnatus e la zinnia.
(al.ces.)
-
IL MATTINO di Padova - DOMENICA, 20 MARZO 2011
Conte incontra i sindaci sugli argini. Verificati i danni, promessi interventi e fissato un incontro a Piove il 14 aprile.
.
PIOVE DI SACCO. Un incontro sugli argini tra l'assessore all'Ambiente Maurizio Conte, accompagnato dai tecnici regionali, e gli amministratori di Piove di Sacco, Pontelongo e Bovolenta per osservare da vicino i danni provocati dalle eccezionali piogge di quest'anno e gli interventi che dovranno essere messi in cantiere per la sicurezza idraulica del territorio. Erano presenti il vicecommissario straordinario per l'Emergenza alluvione Mariano Carraro, il responsabile della direzione Difesa del suolo Tiziano Pinato e il direttore del Genio civile, Gianni Carlo Silvestrin. A tutti gli amministratori Conte ha raccomandato di segnalare per iscritto tutti gli episodi preoccupanti per la sicurezza idraulica perché presto verrà emanata una nuova ordinanza da Maurizio Zaia, che darà alcune risposte alle situazioni più critiche, dando anche la propria disponibilità a un incontro pubblico, fissato per il 14 aprile a Piove di Sacco, come richiesto dai Comuni della Saccisica.
Piove di Sacco. Il sindaco Alessandro Marcolin, ha segnalato una serie di erosioni sull'argine del Brenta, alcuni punti di debolezza su Corte e ha fatto presente la necessità di intervenire con un'opera di manutenzione per le botti di sifone. ?Siamo la parte terminale di un problema a monte - ha detto - la nostra zona è il posto più basso e se il fiume esondasse il territorio verrebbe sommerso in maniera estesa. A novembre ci siamo salvati solo perché la laguna era in grado di ricevere, ma non è detto che vada sempre così?.
Pontelongo. Il sindaco Fiorella Canova ha mostrato i fontanazzi che ancora fanno affiorare l'acqua al centro del paese. ?Se l'argine dovesse rompere - ha spiegato - poichè Pontelongo è sotto il livello del mare, rischiamo di essere sommersi per 6 metri, e qui non abbiamo le idrovore come a Bovolenta. I terreni sono ancora pieni d'acqua, la falda si è alzata, quindi l'acqua che cade arriva tutta in canale. Ci sono interi pezzi di argini che se ne sono andati, altri che si stanno sgretolando. Il fiume passa proprio in mezzo al paese, i fontanazzi sono tra case e negozi?. Conte ha spiegato che è arrivato il momento di far partire con i lavori: ?La sistemazione inizierà a monte, con la costruzione di casse di espansione per fermare l'acqua in eccesso e alleggerire il peso e il carico sugli argini a valle. Il problema è sempre quello delle risorse, ma stiamo tentando di trovarne altre a livello nazionale?.
Bovolenta. Qui Conte ha incontrato una delegazione composta dal vicesindaco Emiliano Baessato, e dagli assessore Maurizio Bolice, Silvano Taschin e Pietro Tangiano. Dopo una visita ai murazzi, ha convenuto sulla necessità di procedere al più presto con una verifica della loro tenuta e della loro impermeabilizzazione e ha annunciato che è in programma un ampio intervento per la messa in sicurezza dell'area P4 (l'area al centro del paese che presenta il rischio idraulico maggiore). A questo fine verranno impiegati 3,5 milioni di euro messi a disposizione dal ministero dell'Ambiente nell'ambito di un accordo di programma firmato con la Regione a dicembre. Per quanto riguarda la pulizia dei canali dagli alberi, il Comune valuterà l'opportunità di chiedere alla Regione di avere in gestione la sponda interna dell'argine, dalla sommità al pelo d'acqua, che consentirebbe di autorizzare privati allo sfalcio e al taglio delle piante non a scopo di lucro.
-
IL MATTINO di Padova - Venerdì, 18 MARZO 2011
Una card per gli svuotamenti
.
PONTELONGO. Partirà la prossima settimana il Sirv, il nuovo sistema di raccolta dei rifiuti urbani del Bacino PadovaTre che si avvale della tessera elettronica per gli svuotamenti. Mentre nei Comuni limitrofi il via al servizio è coinciso con l'anno nuovo, a Pontelongo i tempi sono stati diversi. A chiarire le cose ci pensa il vicesindaco Enzo Battisti che ha seguito in prima persona la vicenda. ?Il nostro Comune - spiega - era ancora uno dei pochi a gestire in proprio il servizio di raccolta dei rifiuti per cui, a differenza delle altre amministrazioni locali, sono stati necessari degli ulteriori passaggi amministrativi in consiglio comunale per adeguare i regolamenti vigenti?. In realtà, ammette il vicesindaco, il nuovo servizio sarebbe dovuto partire già lo scorso febbraio. ?Ma visto che gli uffici del Bacino erano già intasati con le pratiche degli altri Comuni abbiamo preferito non aggravare ulteriormente il loro lavoro e posticipare di qualche settimana. Questo ritardo, alla fine, ci ha però ci ha messo di fronte alle problematiche emerse negli altri Comuni, permettendoci così di adottare misure migliorative. Per esempio, abbiamo preferito fare consegnare direttamente agli utenti a domicilio, insieme ai bidoni, anche le tessere. Il recapito tramite posta in altri Comuni ha mostrato delle lacune e in questo modo possiamo monitorare capillarmente l'avvenuta consegna?. Ci vorrà quindi ancora qualche giorno per terminare le consegne del materiale e poi il nuovo servizio di raccolta diventerà effettivo. ?Sino alla fine di marzo ci sarà comunque una fase transitoria per permettere ai cittadini di prendere confidenza con le nuove misure. Da aprile, invece, inizieremo a fare sul serio?, conclude il vicesindaco.
Alessandro Cesarato
-
IL MATTINO di Padova - GIOVEDÌ, 17 MARZO 2011
LE CERIMONIE PER L'UNITÀ D'ITALIA PONTELONGO MUNICIPIO TRICOLORE
.
Festeggiamenti per il 150? dell'Unità d'Italia con il municipio di Pontelongo avvolto da un nastro tricolore di 125 metri. Questa mattina, alle 9.45, interventi e musiche della banda cittadina di Cavarzere davanti al monumento ai caduti. Alle 14.30 nella casa delle associazioni di via Ungheria l'Auser propone la proiezione di un video sull'Unità d'Italia.
(al.ces.)
-

IL GAZZETTINO di Padova - Mercoledì 16 Marzo 2011,
PONTELONGO Pulizia degli argini, 273 sacchi di rifiuti
.
Tirati a lucido gli argini del Brenta e del Bacchiglione, ridotti a discariche a cielo aperto in seguito alle piene verificatesi negli ultimi mesi. Ben 76 volontari, tra i quali una ventina di scout del gruppo di Brugine, sabato pomeriggio hanno setacciato chilometri e chilometri di scarpata, da Pontelongo verso Bovolenta e Casalserugo, per raccattare rifiuti di ogni genere e foggia, depositati dall'acqua che, soprattutto durante i giorni dell'alluvione, ha raggiunto livelli altissimi. Un'altra cinquantina di volontari ha svolto lo stesso lavoro lungo il Brenta, a Corte di Piove di Sacco. L'operazione Argini puliti - questo il nome dato dai sei Comuni promotori dell'iniziativa e dal Bacino Padova tre, che ha offerto sacchi e guanti - è stata un successo: in quattro ore i volontari hanno raccolto ben 273 sacchi di immondizia. Bottiglie di plastica e di vetro, cartacce, polistirolo ma anche la carcassa di un letto, una lavatrice e due frigoriferi. A conclusione della giornata, la Protezione civile di Pontelongo ha offerto a tutti un piccolo buffet con la promessa di darsi presto appuntamento per un'altra giornata ecologica.
(Fe.Be.)
-

IL GAZZETTINO di Padova - Domenica 13 Marzo 2011,
PONTELONGO Tempo di saldi anche per i libri, messi in vendita i vecchi volumi

.

Tempo di saldi tra gli scaffali della biblioteca comunale di via Roma, intitolata a Luigi Bozzato. Gli operatori, infatti, hanno deciso di svendere a metà prezzo alcuni libri di storia locale e altri testi di studiosi del territorio. I titoli in offerta sono quattro: Il lager dentro di Umberto Marinello, Pontelongo un luogo buono per vivere di Emidio Pichelan, Caduti nell'oblio di Lisa Bregantin e Rimembranze, una raccolta di temi degli alunni della scuola media Giacomo Leopardi sui caduti in guerra. Davvero irrisorio il prezzo di vendita, che va da un minimo di 2,5 euro ad un massimo di sette euro. Gli sconti proseguiranno fino all'esaurimento delle scorte. Per chi fosse interessato, inoltre, la biblioteca è disposta ad inviare i libri tramite posta ordinaria, con la sola aggiunta delle spese di spedizione a carico del destinatario. Un modo come un altro per favorire la conoscenza di fatti e personaggi che hanno fatto la storia di Pontelongo e della Saccisica.
(Fe.Be.)
-

IL MATTINO di Padova - SABATO, 12 MARZO 2011

PONTELONGO. Biblioteca aperta per gli amici

.
Continua anche nel mese di marzo l'iniziativa Porta un amico in biblioteca, promossa dall'assessorato alla cultura per avvicinare ed incentivare i cittadini alla lettura e per fare conoscere il servizio offerto dalla biblioteca comunale Luigi Bozzato. La biblioteca sarà aperta, oltre ai normali orari, anche tutti i sabati dalle 16 alle 18.
(al.ces.)
-

IL MATTINO di Padova SABATO, 12 MARZO 2011
C'è il programma delle celebrazioni, Comune per Comune. - Nuovo sito web con tutti gli eventi Si può scaricare la Costituzione
.
Un sito internet con tutte le iniziative ideate per la celebrazione dei 150 anni dell'Unità d'Italia. Basta digitare l'indirizzo web http: //italiaunita150.prefettura.padova.it per avere una panoramica completa di tutto quel che accade tra il 16 e il 17 marzo prossimi. Nel sito sono indicati tutti i Comuni da Abano Terme a Vo' Euganeo. Ognuno di questi ha una pagina dedicata, con l'elenco di tutti gli eventi. La novità è stata illustrata ieri mattina in Prefettura, durante l'incontro dedicato alla presentazione della celebrazione dei 150 anni dell'Unità. Abbiamo pensato di allegare anche la costituzione - ha sottolineato il prefetto - chi vuole può scaricarsela e leggerla con attenzione, alla vigilia di questa importante data.
-
IL GAZZETTINO di Padova - Sabato 12 Marzo 2011,
I disoccupati disertano i corsi. Su 958 senza lavoro sono solo 81 gli iscritti ai percorsi di formazione professionale gratuita
.
Studiare per diventare saldatore, tecnico del freddo, esperto di autocad, di contabilità o di energie rinnovabili: su circa 958 disoccupati nel Piovese (il dato è quello dell'osservatorio sul mercato del lavoro della Provincia, fornito a maggio 2010) "solo" 81 hanno risposto all'invito. A renderlo noto è Alessandro Marcolin, sindaco di Piove di Sacco, ente capofila della Rete di formazione avviata dai comuni della Saccisica, dai sindacati, dalle categorie economiche, Forema, Enaip, Upa e Italia lavoro nei mesi scorsi, per dare risposte concrete alle persone rimaste senza impiego per gli effetti della crisi economica. Semplice quanto efficace la proposta lanciata: una decina di percorsi formativi gratuiti, e rivolti agli iscritti alle liste di mobilità, per specializzarsi in una professione e, al termine, l'erogazione di un voucher del valore di 300 euro come sprono per l'immissione nel mondo del lavoro. Al primo bando hanno presentato richiesta solamente trentadue candidati. Tanto che è stato deciso di prolungare i termini di scadenza e di rafforzare la comunicazione. Ciò ha permesso di raccogliere altre quarantanove adesioni. In tutto ottantuno persone, alle quali è stato chiesto di esprimere una preferenza sui corsi proposti. Due corsi similari sono stati accorpati, in ragione delle preferenze espresse. La prossima settimana saranno avviati i primi due corsi, precisamente quello di saldobrasatura e di contabilità di base - fa sapere Marcolin - Entro marzo ne partiranno altri quattro. Con gli altri sindaci ed interlocutori della rete valuteremo le ricadute sul tessuto economico locale delle esperienze formative attuate e discuteremo sull'opportunità di proseguire e implementare le proposte.
Federica Bertaggia
-

IL MATTINO di Padova SABATO, 12 MARZO 2011
Nessun lavoro sugli argini, rivolta dei sindaci. J'accuse trasversale alla Regione: non ha ancora speso un euro per scongiurare i rischi idraulici.
.
VENEZIA. Quattro mesi dopo l'alluvione nessun intervento serio è ancora stato avviato per il ripristino degli argini del Bacchiglione e del Roncajette, dove pure c'è stata la rotta. La precarietà regna sovrana. Lo denuncia una lettera al commissario regionale per l'emergenza Mariano Carraro firmata da 9 sindaci dei Comuni padovani dislocati lungo l'asta del Bacchiglione. Tra di essi Flavio Zanonato, sindaco di Padova. Gli altri sono Enrico Rinuncini di Ponte San Nicolò, Massimiliano Barison di Albignasego, Vittorio Meneghello di Bovolenta, Elisa Venturini di Casalserugo, Ivano Oregio Catelan di Legnaro, Nicola De Paoli di Maserà, Sabrina Rampin di Polverara, Fiorella Canova di Pontelongo. Per la cronaca solo due sono del centrosinistra, dunque nessun sospetto che si tratti di polemica artificiosa. Al contrario: la lettera porta la data del 10 febbraio e il fatto che sia rimasta finora tra la corrispondenza "coperta" degli uffici dimostra la volontà sia dei mittenti che dei destinatari di non alimentare polemiche. Peccato che dal 10 febbraio nulla sia di fatto cambiato. Non risultano risposte dal commissario Mariano Carraro o dal presidente Luca Zaia, le due persone cui l'intera gestione del dopo alluvione fa capo. I sindaci - si legge nella lettera - hanno appreso con incredulità e preoccupazione che i fondi attualmente assegnati all'Unità di Progetto del Genio Civile di Padova sono del tutto insufficenti a consentire la realizzazione dei necessari e non rinviabili interventi di messa in sicurezza delle arginature del Roncajette-Bacchiglione. Al Genio Civile di Padova è stato attribuito un finanziamento di 15 milioni di euro, del tutto insufficente per coprire le necessità dell'intervento. Tra gli interventi finanziati non rientrano neppure il completamento del ripristino dell'argine destro del Roncajette a Ponte San Nicolò in corrispondenza della rotta del 2 novembre scorso, né il consolidamento ed il completo ripristino funzionale dell'adiacente chiavica del Maestro. La suddetta chiavica è attualmente interclusa dal palancolato infisso in attesa della sistemazione definitiva dell'argine, con impossibilità dello scarico a gravità delle acque ed in conseguente peggioramento delle condizioni di sicurezza idraulica del territorio tributario dello scolo Maestro (Comuni di Ponte San Nicolò, Albignasego e Padova) e delle aree (ricadenti nei Comuni di Bovolenta e Maserà) destinate a ricevere le acque in eccesso. Interventi di consolidamento degli argini sono necessari anche nel tratto dello scolo Maestro tra San Giacomo di Albignasego e Casalserugo. Quanto agli argini del Roncajette-Bacchiglione, la lettera informa che il Genio Civile di Padova non può far altro che limitarsi al ripristino dei 6 tratti di arginature maggiormente danneggiate, mentre l'asta fluviale presenta in molti tratti preoccupanti erosioni e franamenti delle sponde. Sono bastati tre mesi per rendere evidente che rinviare gli interventi di ripristino è una scelta miope. Più si aspetta, maggiori saranno i costi e il rischio aumenta. Ma per quale motivo Carraro e Zaia, che pure hanno i soldi in cassa e il potere di spenderli, non intervengono? L'unica risposta in circolazione è disarmante: il commissario, smentendo il decreto di nomina del governo, preferisce la procedura normale di affidamento dei lavori, per la quale serve il parere di millanta uffici, inclusi ad esempio i beni archeologici. Passeranno ancora mesi. E dal 15 novembre nessuno ha più visto una ruspa sugli argini
Renzo Mazzaro

-

IL GAZZETTINO di Padova - Venerdì 11 Marzo 2011,
PIOVE DI SACCO - Da Pontelongo al centro, due chilometri e mezzo d'inferno. Una ciclabile "salvavita"
.
Due chilometri e mezzo d'inferno. Questo è, per i ciclisti, il tratto della regionale 516 che collega Pontelongo con Piove di Sacco, passando per Arzerello. La strada, piuttosto stretta rispetto alla mole di traffico che la percorre ogni giorno, è priva di pista ciclabile. E ogni anno, con l'avvento della bella stagione, torna l'incubo per le numerose persone che, per scelta o per esigenza, la percorrono in bicicletta. Alcuni residenti di via Borgo Botteghe annunciano: Se non sarà realizzata una pista ciclabile o un percorso protetto, prima o poi qualcuno ci rimetterà la vita. Una previsione che trova supporto nei numerosi incidenti che si sono già verificati in passato. Nella zona che comprende via monte Adamello, vicolo monte Rua, vicolo monte Bianco, via scolo Altipiano e dintorni - fanno notare ancora i residenti - vivono molti anziani, che per abitudine, non appena le giornate lo consentono, si recano a Piove di Sacco in bicicletta per le visite ospedaliere, per fare qualche acquisto o solamente per fare un pò di moto. D'altronde la distanza che ci separa dal centro cittadino è breve. In questi ultimi anni, però, percorrere in bici la regionale 516 è diventato un inferno. Il via vai di auto è continuo. Chi si trova sulle due ruote è costretto a proseguire sul ciglio ma la banchina è praticamente inesistente e il rischio di cadere e di essere travolti è altissimo. Per chi viene da Pontelongo il traguardo da raggiungere per proseguire in sicurezza verso Piove è all'altezza del ristorante Al Tintero: lì, infatti, inizia la pista ciclabile che porta sicuri verso Arzerello e continua poi alla volta della città. Perché non si può prolungare la pista? - si chiedono quindi i residenti - Forse noi che abitiamo al confine tra Piove di Sacco e Pontelongo siamo considerati cittadini di serie inferiore rispetto a chi vive in centro storico e gode di tutti i servizi?.
Federica Bertaggia
-
IL MATTINO di Padova - Venerdì 11 Marzo 2011,
Domani tutti a pulire gli argini
.
PONTELONGO. I comuni di Pontelongo, Correzzola, Bovolenta, Polverara, Casalserugo e Cartura organizzano per domani l'iniziativa ?Territorio pulito? per ripulire gli argini dei fiumi devastati dalle ultime piene. A Pontelongo il ritrovo è previsto alle 14 davanti alla Casa delle Associazioni di via Ungheria, dove sarà consegnato il materiale per la raccolta. Al termine sarà dato un ricordo a tutti i ragazzi che hanno partecipato e la protezione civile organizzerà un momento conviviale.
(al.ces)
-

IL GAZZETTINO di Padova - Giovedì 10 Marzo 2011,
PONTELONGO Il sindaco invita tutti i negozi ad esporre in vetrina il tricolore
.
Il sindaco Fiorella Canova invita tutti i negozianti del paese ad esporre il tricolore in vetrina. E non solo il 17 marzo, giorno di festa nazionale per il 150. anniversario dell'Unità d'Italia. Ma per sei giorni di fila, dal 14 al 20 marzo. L'esposizione della bandiera italiana non è una formalità burocratica ma un omaggio e un atto di rispetto della memoria di quanti, anche molti nostri concittadini, hanno sacrificato la loro vita per gli ideali ed i valori dell'Unità d'Italia, simboleggiati appunto dalla nostra bandiera, spiega il primo cittadino. Nessun obbligo, quindi, per i titolari dei punti vendita del paese, che comunque il 17 marzo sono chiamati a tenere abbassate le serrande. Solo un appassionato invito a trasformare il paese in un inno al tricolore. Qualche cittadino, non solo di Pontelongo, ci ha già pensato, esponendo la bandiera dal balcone in onore alla ricorrenza. I commercianti che volessero maggiori informazioni sull'argomento, possono rivolgersi all'ufficio Commercio.
(Fe.Be.)
-
IL GAZZETTINO di Padova - Giovedì 10 Marzo 2011,
PIOVESE Tutti sugli argini a raccogliere i rifiuti
.
L'unione fa la forza. Soprattutto quando si tratta di passare al setaccio chilometri di argini del Bacchiglione, affogati dall'ultima piena e trasformati in discariche quando il livello dell'acqua si è ritirato. A chiamare tutti a raccolta è il comune di Pontelongo, che ha unito le amministrazioni di Casalserugo, Bovolenta, Cartura, Polverara e Correzzola organizzando, per domenica, una speciale giornata ecologica. Per tutto il pomeriggio una squadra di volontari, si spera più nutrita possibile, setaccerà argini e golene per raccattare i rifiuti portati a riva dall'acqua. A tutti i coloro che, armati di buona volontà e di un paio di scarponi, si presenteranno alle 14 nella casa della associazioni di via Ungheria, la Protezione civile e le varie associazioni che hanno supportato l'iniziativa, distribuiranno sacchetti e guanti. Al termine dell'operazione la giornata si chiude con un momento conviviale. Ogni nostro gesto porta ad avere delle conseguenze positive o negative sull'ambiente in cui viviamo e dove dovranno continuare a vivere anche le generazioni future, è il pensiero del sindaco Fiorella Canova.
(Fe.Be.)
-
IL GAZZETTINO di Padova - Martedì 8 Marzo 2011,
PONTELONGO Anche la biblioteca fa i "saldi" In svendita i volumi di storia
.
Tempo di saldi tra gli scaffali della biblioteca comunale di via Roma, intitolata a Luigi Bozzato. Gli operatori, infatti, hanno deciso di svendere a metà prezzo alcuni libri di storia locale e altri testi di studiosi del territorio. I titoli in offerta sono quattro: Il lager dentro di Umberto Marinello, Pontelongo un luogo buono per vivere di Emidio Pichelan, Caduti nell'oblio di Lisa Bregantin e Rimembranze, una raccolta di temi degli alunni della scuola media Giacomo Leopardi sui caduti in guerra. Davvero irrisorio il prezzo di vendita, che va da un minimo di 2,5 euro ad un massimo di sette euro. Gli sconti proseguiranno fino all'esaurimento delle scorte. Per chi fosse interessato, inoltre, la biblioteca è disposta ad inviare i libri tramite posta ordinaria, con la sola aggiunta delle spese di spedizione a carico del destinatario. Un modo come un altro per favorire la conoscenza di fatti e personaggi che hanno fatto la storia di Pontelongo e della Saccisica.
(Fe.Be.)
-
IL GAZZETTINO di Padova - Martedì 8 Marzo 2011,
PIOVESE Un milione dall'Antico Dogado per lo sviluppo paesaggistico
.
Sono in arrivo incentivi per gli enti pubblici, le aziende agricole e i privati che intendono mettere in atto azione di rimboschimento e di miglioramento paesaggistico-ambientale attraverso la creazione di percorsi naturalisti, didattici, giardini botanici e la realizzazione di fattorie polifunzionali e agriturismi. A mettere a disposizione i contributi è il Gal Antico Dogado, il consorzio che raggruppa i Comuni a cavallo tra la provincia di Padova e Venezia. Nei giorni scorsi sono stati pubblicati sette bandi che pongono un accento particolare sul tema dell'ambiente, della diversificazione delle attività economiche e della multifunzionalità dell'impresa agricola. L'ammontare dei contributi a disposizione, nel totale raggiunge circa un milione di euro. Una possibilità da non perdere per chi decide di investire in quest'ambito. A seconda dei bandi, per presentare domanda c'è tempo fino al 26 aprile 2011 e al 25 maggio 2011. Sul sito www.galdogado.it è possibile scaricare i bandi in versione integrale.
(Fe.Be.)
-
IL MATTINO di Padova - MARTEDÌ, 08 MARZO 2011
Cerimonia in municipio con i sindaci di Bovolenta, Casalserugo e Ponte San Nicolò. Consegnati a tre comuni alluvionati i 60 mila euro raccolti nella Saccisica
.
PIOVE DI SACCO. Ammonta a 60 mila euro la cifra raccolta nei comuni della Saccisica a favore degli alluvionati di Bovolenta, Casalserugo e Ponte San Nicolò. A Palazzo Jappelli si è svolta la cerimonia di consegna dei contributi ai sindaci dei tre comuni confinanti, che hanno subito i danni dell'alluvione del 2 novembre scorso. Nel conto corrente della Banca di credito cooperativo, acceso all'indomani della catastrofe, in questi mesi sono confluiti 60.100 euro dei quali 30 mila provenienti da enti pubblici, settemila dall'associazione degli Alpini, 2.500 da associazioni diverse, 2.600 da parrocchie e 18 mila da aziende e privati. Alla pubblica iniziativa degli amministratori - ha commentato il sindaco Sandro Marcolin - hanno aderito associazioni, parrocchie, aziende e privati dimostrando particolare sensibilità. Si è trattato di un'iniziativa uscita dallo spirito privatistico che molto spesso prevale nella nostra società. Il contributo, secondo la decisione presa da tutti i sindaci, è stato diviso in proporzione ai danni subiti dai tre comuni. Un assegno di 38 mila euro è stato consegnato al sindaco di Casalserugo Elisa Venturini, uno da 15 mila al collega di Bovolenta Vittorio Meneghello e uno da settemila a quello di Ponte San Nicolò Enrico Rinuncini. I sindaci non hanno potuto che ringraziare le amministrazioni e i cittadini del Piovese per la solidarietà dimostrata.
(al.ces.)

-

IL MATTINO di Padova - LUNEDÌ, 07 MARZO 2011
CASA DI RIPOSO DI PONTELONGO- Donatello Magagnato presidente
.
PONTELONGO. Si è insidiato il nuovo consiglio di amministrazione della casa di riposo A. Galvan. Dopo le nomine dei nuovi componenti avvenuta durante il consiglio comunale del 10 febbraio scorso, con il mese di marzo il nuovo cda del Centro Servizi alla Persona è operativo a pieno titolo ed ha provveduto ad eleggere, con scrutinio segreto, il presidente ed il vicepresidente per il prossimo quinquennio. Il presidente dell'istituzione sarà Donatello Magagnato, già vicepresidente nel precedente mandato, mentre la carica di vicepresidente sarà ricoperta da Laura Penzo, a sua volta consigliere dell'ente dal 2005 al 2010. Oltre a loro, compongono l'organo di direzione politica Franca Franco, Jessica Cecconello e Giovanni Buso. L'intenzione - ha dichiarato nel suo primo discorso Donatello Magagnato - è di proseguire con i programmi già avviati nel periodo precedente e di far ulteriormente crescere la struttura con nuovi servizi qualificati, valorizzando l'apporto di tutto il personale, a cui va riconosciuto il merito di aver dato a Pontelongo una struttura nota per la qualità dei propri interventi.
(a.c.)
-

IL GAZZETTINO di Padova - Domenica 6 Marzo 2011,
Saccisica sicura con 23 telecamere.Impianti installati e centrale operativa al via. L'intero territorio sarà sorvegliato 24 ore su 24
.
Il count down è iniziato. Tra pochi giorni ventitré occhi elettronici si accenderanno sui punti più "neri" del Piovese. La maggior parte delle telecamere, acquistate nell'ambito del progetto Saccisica Sicura, con un contributo regionale di 200 mila euro, sono già state installate. Anche la sala operativa, allestita all'interno del comando della polizia locale di Piove di Sacco, è pronta. Mancano solo gli ultimi ritocchi. Poi l'intero territorio sarà sorvegliato ventiquattro ore su ventiquattro. Un'operazione che mira in particolar modo a prevenire episodi di microcriminalità, in quanto le immagini registrate dalle telecamere, e quindi catalogate dalla centrale operativa, saranno visionate da personale altamente qualificato, nel rispetto di rigide norme sulla privacy, solo nel caso di verificassero eventi criminosi che richiedessero, nel corso delle indagini, il supporto delle registrazioni. Ciò non toglie che due decine di instancabili occhi elettronici, sempre puntati su strade, piazze e vicoli, rappresentino un valido aiuto al lavoro delle forze di polizia e una sicurezza in più per cittadini, automobilisti e negozianti. I Comuni aderenti al progetto sono Piove di Sacco, Arzergrande, Brugine, Pontelongo e Sant'Angelo di Piove. Nel capoluogo della Saccisica le telecamere in funzione saranno otto, installate in piazza Incoronata, davanti alla caserma dei vigili, nell'area della stazione delle corriere, in via Codogno, in piazzetta Carlo Rosso, al centro della rotonda tra via Davila e via Valerio e in via Petrarca, a Sant'Anna. Stesso numero di apparecchi è stato destinato a Sant'Angelo: uno è già posizionato nella sede dei vigili, due in piazza IV Novembre, uno in via Caron, un altro lungo la Piovese, ancora uno in via Curiel e infine due nel centro sportivo. Quattro dispositivi veglieranno su Arzergrande: uno in piazza don Luigi Segala, un altro di fronte al Municipio e due in altrettanti punti di via Montagnon. A Brugine saranno costantemente controllate le due piazze, quella del capoluogo e quella della frazione di Campagnola. Una sola telecamera è già posizionata a Pontelongo, in via Zuccherificio.
Federica Bertaggia
-
IL MATTINO di Padova - DOMENICA, 06 MARZO 2011
GRAZIA BRUSTOLON VA IN PENSIONE
.
PONTELONGO. Dopo tanti anni di onorato servizio all'ufficio anagrafe municipale è andata in pensione Grazia Brustolon (in foto). Nel corso dell'ultimo consiglio comunale il sindaco Fiorella Canova, a nome dell'amministrazione, dei colleghi e dell'intera cittadinanza, le ha consegnato una targa quale apprezzamento per il servizio svolto e ha ringraziato Grazia per l'impegno, la disponibilità e la passione esemplare messa nel lavoro.
(al.ces.)
-

IL GAZZETTINO di Padova - Sabato 5 Marzo 2011,
PONTELONGO I vigili salgono in cattedra per spiegare il "patentino"
.
Gli agenti di polizia entrano in classe. È iniziato nei giorni scorsi, nelle scuole medie del paese, il corso di preparazione all'esame per il conseguimento del Certificato di idoneità alla guida del ciclomotore, meglio noto tra i ragazzi come patentino, la tessera necessaria per la guida di motorini fino a 50 di cilindrata. Il corso, rivolto ai ragazzi di quattordici anni già compiuto e a quelli che li compieranno entro il mese di luglio, è completamente gratuito e avrà una durata complessiva di dodici ore. Le lezioni saranno tenute secondo un calendario organizzato dalla scuola. L'obiettivo del corso è far conoscere agli studenti il codice della strada, la segnaletica e le norme della circolazione, con particolare riferimento agli obblighi e ai divieti per i ciclomotoristi. Inoltre, educare alla comprensione che l'insieme di leggi, regolamenti e norme hanno lo scopo di disciplinare ed armonizzare la circolazione stradale per la sicurezza individuale e collettiva.
(Fe.Be.)
-

IL GAZZETTINO di Padova - Venerdì 4 Marzo 2011,
PONTELONGO Nominato il consiglio della Casa di riposo.
.
Nuovo consiglio di amministrazione per la casa di riposo Antonio Galvan di Pontelongo. Donatello Magagnato, già vice presidente nel precedente mandato guidato da Giampaolo Crema, è stato confermato alla guida della struttura per i prossimi cinque anni. Lo affiancherà, in qualità di vice presidente, Laura Penzo, già consigliere dell'ente dal 2005 al 2010. Gli altri componenti del consiglio sono Franca Franco, Jessica Cecconello e Giovanni Buso. La squadra si è insediata ufficialmente il primo marzo. Dopo l'augurio di un proficuo lavoro, da parte del sindaco Fiorella Canova, Magagnato ha fatto sapere di voler proseguire con i programmi già avviati durante l'ultimo quinquennio e di far ulteriormente crescere la struttura con nuovi servizi qualificati, valorizzando l'apporto di tutto il personale. È a loro - ha sottolineato il presidente - che va riconosciuto il merito di aver dato a Pontelongo una struttura nota in tutta la provincia per la qualità dei propri interventi.
(Fe.Be.)
-
IL MATTINO di Padova - VENERDÌ, 04 MARZO 2011
ACCESSI PUBBLICI Internet, 28 centri
.
Con uno stanziamento di circa un milione e mezzo di euro la Regione ha finanziato la realizzazione di centri pubblici di accesso ad internet in 160 comuni del Veneto. Il vicepresidente della giunta regionale e assessore all'informatica Marino Zorzato fa presente che l'intervento si pone come obiettivo di ridurre il divario digitale dei cittadini e delle famiglie. Da un recente sondaggio Istat - aggiunge Zorzato - risulta che il personal computer è diffuso nel 54,3% delle famiglie mentre l'accesso ad Internet nel 47,3%. Offrire accesso gratuito ad internet e assistenza ai servizi digitali della pubblica amministrazione, è un modo concreto di venire incontro ai bisogni di alfabetizzazione informatica di tutte le fasce della popolazione. In base delle domande pervenute la Regione ha finanziato 28 in provincia di Padova per un importo di 255 mila euro. Era stato diffuso uno specifico avviso pubblico che prevedeva, per l'appunto, la costituzione di questi punti pubblici d'accesso, aperti a tutti i cittadini.
-

IL GAZZETTINO di Padova - Giovedì 3 Marzo 2011,
Taglia il traguardo dei venticinque anni il concorso di poesia Antico Ottorino ed Elisa Benevegnù.
.
Come sempre, la competizione si articola in quattro sezioni: quella riservata agli alunni dalla prima alla terza elementare, la seconda per i più grandi di quarta e quinta, la terza per gli studenti delle scuole medie inferiori, la quarta per gli adulti. Si partecipa con una sola poesia per autore, inedita, a tema libero, in lingua italiana, di cinquanta versi al massimo. I componimenti dovranno pervenire entro il 31 marzo via lettera a Gruppo culturale K.F., pro loco - fermo posta 35029 Pontelongo (Pd). Le premiazioni avverranno durante il Maggio pontelongano.
(Fe.Be.)
-
IL GAZZETTINO di Padova - Giovedì 3 Marzo 2011,
15 milioni per riparare gli argini - Il Commissario regionale ha approvato l'elenco degli interventi urgenti predisposto dal Genio Civile
.
Il Commissario per il superamento dell'emergenza alluvione in Veneto ha approvato gli elenchi degli interventi di somma urgenza e indifferibili conseguenti all'alluvione, trasmessi dal Genio civile, per i quali sono stati stanziati 15 milioni di euro.
Muson dei Sassi Ripristino dell'arginatura destra, nel tratto compreso tra il ponte di Cà Rossa e il ponte Boscalto; messa in sicurezza delle arginature tra la passerella Beccegato e ponte Mainate a Camposampiero; ripristino del petto arginale sinistro a Cadoneghe e di alcuni tratti tra Camposampiero e Castelfranco.
Frassine Lavori di somma urgenza a seguito della rotta dell'argine destro in località Prà di Botte a Megliadino S. Fidenzio e del conseguente cedimento dell'argine sinistro a Montagnana; ricostruzione e ringrosso a campagna del corpo arginale della rotta con formazione di banca strutturale e diaframma a tenuta delle infiltrazioni a Prà di Botte a Megliadino S. Fidenzio; ripresa di movimenti franosi in destra idraulica in corrispondenza dell'attraversamento del metanodotto a Saletto.
Roncajette Ripristino del corpo arginale destro collassato; lavori di ripresa corrosioni di sponda e movimenti franosi a Ponte San Nicolò, in località Cartiera e a Polverara; scavo depositi alluvionali nelle località Riviera, Cà Capuzzo e Cà Nalin tra Polverara e Casalserugo.
Tesina Ripristino dell'argine destro interessato dalla rotta arginale in località Trambacche di Veggiano.
Brentella Lavori di somma urgenza per contrastare infiltrazione di un tratto dell'argine destro a Padova.
Bacchiglione Ripristino dell'argine sinistro a valle ponte di Tencarola di Selvazzano; ripristino dell'argine destro in località via Molini a Cervarese Santa Croce; ripristino dell'argine destro in località Paltana, via Decorati al Valor Civile, a Padova; ripristino dell'argine destro in località Creola di Saccolongo.
Piovego Ripristino del tratto d'argine sinistro del canale a valle del ponte del raccordo autostradale A4-A13 a Noventa Padovana.
Bisatto Recupero piante pericolanti e crollate nel centro abitato della città di Este.
Ceresone Piccolo Lavori di somma urgenza per il ripristino dell'argine destro a Veggiano.
Pontelongo Lavori di ripresa frane lungo l'argine sinistro del canale in località Cà Molin a Bovolenta.
(Gl.C.)
-

IL MATTINO di Padova - Martedì, 01 Marzo 2011
PONTELONGO Un Concorso per aspiranti Poeti.
.
Sono aperte le iscrizioni al XXV concorso di poesia Antico Ottorino ed Elisa Benvegnù Ortu. Quattro le sezioni: due per gli alunni delle elementari, una per le medie e una per gli adulti. Le poesie dovranno pervenire entro il 31 marzo, mentre le premiazioni sono in programma nel corso del Maggio Pontelongano. Per informazioni: 349 3550229.
(al.ces.)

-

 

 

link paese dello Zucchero paese dello Zucchero
Eventi e Appuntamenti
<< novembre 2017 >>
L M M G V S D
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
             
 
 
Servizi interattivi
modulistica
contatti
mappa del sito
sms

 indirizzo: via Roma, 271 - 35029 Pontelongo (Pd)  telefono: 049/9775265  fax: 049/9775565  e-mail: segreteria@comune.pontelongo.pd.it  posta elettronica certificata: comunepontelongo.pd@legalmailpa.it  p.iva: 01833500281  cod.fiscale: 80009850282


Questo sito internet è valido html 4.01 strict, clicca per accedere al validatore html 4.01, il sito verrà aperto in una nuova finestra   Questo sito internet è valido CSS 2.0, clicca per accedere al validatore css, il sito verrà aperto in una nuova finestra   sito internet validato wcag wai a  Questo sito internet è multibrowser   accessibilità  |  access key  |  mappa del sito  |  privacy 
scegli la modalità
Visualizza il testo con caratteri normali  Visualizza il testo con caratteri grandi  Visualizza il testo con contrasto elevato  Visualizza i contenuti senza la presenza della struttura grafica Rete civica realizzata da Progetti di Impresa Srl © 2010

utenti connessi utenti connessi: 53    utente sei il visitatore n°2616342 dal 1° gennaio 2010